21/09/15

Croissant per MTC 50, con le "Variazioni Corrado"

























Appuntamento mensile di MTC rispettato.   Il tema era "Croissant sfogliato".
Per un pigro come me affrontare le novita' riesce piu' faticoso che ad altri.   Per me, allora, era piu' un croissant sVogliato.
Comunque sia eccomi qua a tentare.   Ho fatto piu' prove, sperimentando l'effetto di alcune variazioni sul risultato finale.  Il noto metodo anti-scientifico "What if...".
Gia' immagino l'importo sulla bolletta ENEL.


In tutto il processo ho imparato alcune cose interessanti.
Per esempio in una di queste prove durante la cottura nascevano rivoli di burro fuso che sembravano torrentelli di montagna.   Il risultato e' stato ottimo, anche se i croissants sono venuti un po' piu' croccanti di come mi aspettassi.  La causa era probabilmente da ricercare in una imperfetta lievitazione.

Oppure la separazione tra uno strato e l'altro, come nella foto qua sotto






















In questo caso la causa e' stata la farina sul piano di lavoro.   Semplicemente, e stupidamente, ho infarinato in eccesso il piano di lavoro dove ho steso la sfoglia per stirarla e poi tagliarla a triangoli.
Chiaro che arrotolando una sfoglia che ha un eccesso di farina su un lato, quell'eccesso abbia impedito una corretta coesione degli strati e abbia anzi agito da isolante in cottura, con i risultati visibili in foto.

O anche l'eccesso di spennellature di uovo nelle fasi precedenti alla messa in forno.   Il risultato e' stao questo
























Subito dopo aver sentito il calore del forno, che peraltro non era piu' alto del normale, quell'uovo ha iniziato a formare bolle e a carbonizzare.
Quindi imbrogliando l'ansioso autore (sempre io) e facendogli togliere la teglia dal forno anzitempo.  Poi, siccome l'interno non era ancora cotto, ho dovuto reinfornare per completare la cottura, ma ormai il danno era fatto.
Nelle successive prove ho spennellato pochissimo uovo e per una volta sola e, almeno ai fini delle mie prove, il risultato e' parso migliore.

Ancora, riguardo alle farine: ho fatto diverse prove con diversi mix di farine, ma il risultato migliore l'ho ottenuto con farina 00 W 350 della Garofalo.  Piccole aggiunte di farine a piu' bassa W, o anche di farine multicereali (della serie: proviamole tutte), non hanno aggiunto qualita'.  Da queste prove ho imparato che per una buona sfogliatura bisogna usare farina W 350 o 400, e cosi' faro' nel futuro.

Infine per l'uso del forno: per il futuro non partiro' con temperature alte per poi abbassarle.   Ho verificato che partendo a 190-200 e attendendo che il croissant inizi a colorire, per poi alzare la temperatura a 230 per poco tempo, si produce una crosticina croccante da estasi.   Chiaramente nella prima fase a temperatura non alta si ottiene una eccellente cottura all'interno, mentre la successiva fase serve per l'ottenimento di una perfetta superficie croccante.
Dopo tutte queste prove credo che uno dei prossimi giorni un qualche dirigente ENEL mi suonera' alla porta e mi stringera' la mano, congratulandosi: "Ce ne vorrebbero di piu' di clienti cone Lei".

Comunque sia, la ricetta consigliata da Luisa Jane Rusconi  (a.k.a. Lady Jane) si e' rivelata ottima e di semplice realizzazione, anche per chi come me e' negato per la pasticceria (mia moglie dice che sono "spreciso"). 
A parte le lunghe pause di riposo in frigo, che imponevano una programmazione a incastro con altri impegni, tutto si e' svolto come previsto.

Per ottenere questa versione che presento alla sfida MTC 50 ho pero' introdotto alcune modifiche alla ricetta consigliata (altrimenti io non sarei io), ma su una cosa sono stato irremovibile: niente ripieno.   Assolutamente.
Quando dicevo che avrei provato a fare dei croissant i miei interlocutori ribattevano "Bene! E cosa ci metterai dentro?".  Ma come, pensavo io, tanta attenzione alla scelta di ingredienti eccellenti, tanta attenzione ai profumi, tanta attenzione agli equilibri di sapori, e poi chi addenta il croissant sente solo il ripieno, e dice "buono" pensando a quello!.
Niente da fare, dico io, il mio croissant deve essere giudicato nella sua pura croissantezza.   Altrimenti posso comprare al supermercato una sfoglia pronta e imbottirla di creme o marmellate pronte (anatema!), e piu' sono saporite e meglio e'.

Stabilito, fermamente, che puntero' alla sostanza ho pensato pero' a cosa fare per proporre una "mia" versione.
Tralascio la descrizione degli onanismi mentali e riassumo: ho introdotto sei variazioni (le "Variazioni Corrado", sul "Croissant Theme").
1 - Ho usato un mix di farine, utilizzando anche un 10% di farina con W inferiore, scelta che per il futuro pero' non rifaro'. 
2 - Burro: salato.   Ho usato il burro salato della danese Lurpak.
3 - Nell'impasto ho aggiunto qualche grammo di Vermouth bianco, cosi' che le spezie in esso contenute lasciassero i loro aromi dopo che in forno ne fosse evaporata la parte alcolica.  Grande intuizione, sono molto soddisfatto del risultato.
4 - Ho leggermente aumentato la dose di zucchero, il che ha facilitato la lievitazione.
5 - Come formatura ho scelto di provare a formare un maxi croissant, stendendo una sfoglia piu' grande del normale.    Ma volete mettere la contentezza di chi si trova in mano un croissant fuori misura?   Cosi', nel consumo, il godimento e' assicurato e dura piu' a lungo.
6 - Infine: non ho scelto la forma a mezzaluna, ma una forma dritta, alla francese, secondo la sacra ricetta dell'Hotel Ritz.  Avevo pensato, ma poi non l'ho fatto, di creare una via di mezzo, producendo una forma leggermente arcuata, che, assieme alla dimensione extra sarebbe stata molto gradita.   Come dire un "arc en ciel", forma di comprovato successo.
NOTA - chi desiderasse spiegazioni sui vantaggi dell'arc en ciel e' meglio che mi contatti in PVT.

Basta scherzare adesso, badiamo alla sostanza (ecco!) e il risultato e' stato veramente eccezionale.

























Non vincero', ma ho imparato e mi sono divertito, questo conta, per me.


Ingredienti

400 g di mix di farine
    360 g di 00 W 350 di Garofalo
    40 g di 0 Coop marcata "adatta per pane e pizze"
    NOTA - scelte anche perche' hanno un'alta % di proteine
40 g di zucchero semolato
9 g di sale fino
220 ml di latte intero
4 g di aceto bianco
4 g di lievito di birra secco
40 g di burro normale, a temperatura ambiente
200 g di burro salato Lurpak, per sfogliare, 82% di grassi
1 uovo per spennellare
3 cucchiai da cucina di Vermouth bianco, non dry

 
Preparazione

In un recipiente che contenga circa mezzo litro mescolare latte, zucchero e sale, mescolare per far sciogliere, quindi aggiungere aceto e Vermouth.
In un altro recipiente, capace di contenere circa un litro e mezzo (ma io ho usato il cestello della planetaria) mescolare il mix di farine, preventivamente setacciato due volte, e il lievito.  Aggiungere il burro e gli ingredienti liquidi del primo recipiente.
Io che ho una planetaria Kenwood ho fatto impastare per un minuto a velocita' uno e un minuto a velocita' due.   Impastando a mano ci vorranno poco piu' di cinque minuti.
L'impasto risultante non e' eccessivamente duro, come lo sarebbe stato se avessi utilizzato solo farina W 350 o anche 400.
Formare l'impasto a forma di panetto approssimativamente quadrato, avvolgere nella pellicola e mettere in frigo per almeno sei ore, temperatura non superiore a 6 gradi.
Un'ora prima dello scadere del termine mettere il burro tra due fogli di carta forno e stenderlo in forma approssimativamente rettangolare.  Una volta steso metterlo in frigo per farlo indurire.
Passate le sei ore stendere il panetto col mattarello.  Sarebbe stato bello avere una sfogliatrice, anche piccolina, ma e' stato utilizzato il buon vecchio olio di gomiti.   Ho comunque aggiunto una sfogliatrice, il modello piccolo, alla mia wishlist:  "Dear Santa....".
Appoggiare il rettangolo di burro sull'impasto steso, facendo attenzione che non esca dai bordi.












Quindi procedere a una piega a tre, vedere foto sotto






















Avvolgere il nuovo panetto nella plastica e metterlo in frigo per almeno mezz'ora, temperatura non superiore a 6 gradi.
Altra stesura, altra piega a tre.  Altro riposo in frigo per mezz'ora.
Terza stesura e terza piega a tre, quindi in frigo per 45 minuti.  Non in freezer, perche' e' cosi' pieno che quando apro lo sportello mi cade sempre qualcosa sui piedi.
Passato quest'ultimo riposo prendere il panetto e sbatterlo, senza pieta', sul piano di lavoro, dice che serve per facilitare la lievitazione.
Stendere, e qui sarebbe servita una sfogliatrice, anche modello piccolo, fino a uno spessore di 4 millimetri o poco piu'.
Armarsi di righello e coltello affilato e tagliare i famosi triangoli.  Io ne ho sacrificati 4 per tagliare, al loro posto, un triangolone.  Servira' per il croissant fuori misura.
In ogni triangolo praticare sul lato corto un taglio di qualche centimetro ed allargare i due pezzi a formare delle orecchie.  Iniziare dalle orecchie ed avvolgere il croissant.  Alla fine piegarli a mezzaluna.
Farli lievitare in aria libera per circa tre ore (in cucina c'erano 24 gradi, con temperature maggiori ne bastano meno).
Qua sotto un croissant lievitato, per mostrare la sfogliatura a crudo  Si vede anche una ditata lasciata dal sottoscritto  (sgrunt).



Mettere in frigo per mezz'ora, poi spennellare di uovo (una sola volta, vedere la parte iniziale del post).
Dare una scossetta al vassoio e controllare che i croissant tremino, piu' o meno come un budino.  E' un segno di buona lievitazione.
E ci siamo.
Scaldare il forno a 190 gradi (forno statico), infornare per 15 o piu' minuti, comunque fino a che i croissants non iniziano a colorarsi di marrone chiaro.  A quel punto portare la temperatura a 230 gradi e far andare finche' il colore non sia marrone scuro.  Si formera' una crosticina da estasi.   Spostare su una gratella e far raffreddare, resistendo.























 Questo e' il croissantone.  Per avere un'idea delle sue dimensioni confrontarle con quelle del coltello da cuoco, a destra.   Per avere una buona cottura all'interno ho improvvisato una piu' lunga cottura in forno, a temperatura appena piu' bassa.   Per ottenere un buon risultato sono andato a sentimento.   Ulteriore conferma che sono un sentimentale (se questa battuta non vi e' piaciuta cancellatela pure dalla vostra mente).
























Questi invece sono i croissants di misura normale.  Bel colore, buona sfogliatura.

All'assaggio ci si rende conto che nei bar ci propinano robaccia.    Questi croissants sono altra cosa, e il tanto tempo di lavorazione e' ampiamente giustificato.    Un sentito ringraziamento a Lady Jane.
In questi miei croissants, in particolare, la croccantezza e' spiccata, il sapore e' burroso, e dolce e salato assieme, lo sbriciolamento e' delizioso.
In sottofondo si percepiscono i sentori delle spezie del Vermouth, specie addentando il morbido interno.
Adesso tutte le prove che ho fatto trovano giustificazione in queste bonta'.
Se dovessi definirli con un aggettivo direi: voluttuosi.


"Larga la foglia, stretta la via, dite la vostra, che ho detto la mia"

.

36 commenti:

  1. Per me sei un mago. Davvero hai avuto il coraggio di aggiungere 3 cucchiai di vermuth ad un impasto che, in ragione del burro, rischia di dare problemi, appiccicandosi mattarello? Grande Corrado. ! E mi puace un sacco la cosa che tu sia pigro, perché...lo sono anch'io. Che fatica iniziare questa sfida, ma adesso farei croissant per sperimentare e per...venderli ;-) Buona vittoria :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la vittoria non mi faccio illusioni, ho visto cose che noi normali......
      Ma mi crogiolo nella mia pigrizia e sto bene cosi' :-)
      CIAO :-)

      Elimina
  2. No vabbè, ma qui siamo al croissant scientifico con tanto di prove di laboratorio!
    Complimenti per il risultato finale ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna sempre diffidare dei pigri, perche' quando prendono qualcosa a cuore..... :)))
      E fai i complimenti a me.... Vorrei averla avuta io la tua idea del frangipane inside :))))

      Elimina
  3. il vermuth dentro è una genialata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, tutti pensano al vermuth come una cosa da anziani, senza considerare che contiene tante di quelle spezie che se le dovessimo aggiungere noi.....
      Per il futuro ho in mente di provare l'Aperol, che ha anche un bel colore arancione :)))

      Elimina
  4. Chiamali come vuoi....ma sono eccelsi... la tua vicina ha capito tutto...altro che!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'eccelsitudine, ma molto del merito va alla Luisa Jane.
      Pero' il marito della vicina, incontrato in ascensore mi ha chiesto "Quando li rifai?" :)))

      Elimina
  5. Ma alla fine quanti croissant vi siete mangiati? Che sVogliati o Sprecisi sono sempre una mazzata. Bellissimo il report su tutte le prove ed i risultati ottenuti, così si impara sul serio dagli errori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Chiara. In effetti il mio girovita si sta allargando.....
      CIAO :)

      Elimina
  6. Corrado, ma sai se vincessi proprio nella gara dei croissant ? Mai dire mai nella vita... In bocca al lupo, chi la dura la vince! ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci spero, viste le altre ricette. Comunque non ti rispondo per scaramanzia.
      Ma ti ho appena risposto.... Acc....

      P.S. - Per il burro: dopo averlo formato a tavoletta non lo mettere in frigo, ma nel freezer (trova il posto, arrangiati) perche' i croissants vengono molto meglio

      Elimina
  7. Non sono decisamente un'esperta di Croissant ma quello che sto vedendo mi piace parecchio!!!!
    Belli belli Corrado, complimenti per la tua tenacia e per il tuo meraviglioso spirito!!!
    A presto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sarai "esperta" di croissant, ma il tuo era bello, originale e ben fatto.
      Io non saro' speciale, ma sono tenace :))))

      Elimina
  8. Questo sì che è un Signor Post, quasi Signore come te!
    E il vermouth bianco nell'impasto è solo l'ennesima riprova della tua grandezza.
    Mitico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uso a volte il vermouth bianco perche' e' gia' speziato e non e' troppo alcolico. Ideale per aromatizzare certi dolci.
      Grazie per i complimenti, ma non mi sento grande. Salvo quando salgo sulla bilancia....

      Elimina
  9. Un piacere leggere un post così dettagliato e consapevole e un piacere vedere croissant belli e perfetti come questi.
    Un abbraccio, LIdia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piacere di chi cucina e' vedere che le sue cose danno piacere.
      Non so chi l'ha detto, ma e' proprio vero :)))

      Elimina
  10. Sei stato davvero divertente e hai spiegato ogni cosa con vero rigore scientifico ... altro che spreciso!! Anch'io ho fatto una prova col burro salato, ma ne ho messo solo mezza dose. Ho avuto paura che si sentisse troppo. Veramente non so ancora come andrà perchè li cuocerò domani mattina. Al tocco del Vermouth non ci sarei mai arrivata, complimenti. Ah se vinci, te ne prego, proponi bruschette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vincero' mai (nota di scaramanzia).
      Bruschette? Ci si puo' pensare :))))

      Elimina
  11. sei l'unico che mi tenga avvinta allo schermo, discettando di W di farina e di percentuali di grasso nel burro. Dei mille modi in cui si può declinare il verbo "sperimentare", all'mtc, scegli sempre quello più colto, più tecnico, più profondo, fino ai limiti del masochismo, a volte- o del sadismo, come in questo caso: perchè quella sfogliatura dice mangiami e addentare lo schermo non è proprio la stessa cosa. I piani alti di questa sfida sono particolarmente affollati, ma un "buona vittoria" te lo meriti tutto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Avvinta allo schermo"? Mi fai sentire un giallista :))
      Ma cercare sempre nuove strade, questo si. A volte va bene, e pubblico.
      A volte no: ho provato anche una versione senza zucchero, e il lievito non voleva cooperare.....
      Anche in cucina bisogna avere il senso dell'umorismo altrimenti non si vive, pensa solo alle volte che qualcosa viene buttato.
      "Cucinare per divertirsi", cosi' deve essere :)))

      Elimina
  12. vermouth e burro salato... da adorazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardati dai pigri che prendono a cuore qualcosa..... :))))

      :))))

      Elimina
  13. Mi sono presa tutto il tempo necessario per godermi il tuo post, e quasi quasi mi si staccava la testa, visto che continuavo ad assentire vigorosamente.
    Belle le tue sperimentazioni, la precisione con cui hai individuato gli errori, la tenacia nel riprovare.
    Bello l'aver decretato " il mio croissant deve essere giudicato nella sua pura croissantezza.".
    Bellissima (e aggiungo geniale) l'aggiunta del Vermouth per il sapore delle spezie, e l'uso del burro salato che dà carattere.
    Stupenda la sfogliatura.
    Insomma, io ho finito gli aggettivi; non è che a te rimane un croissant da mandarmi? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Maria Pia, grazie del tuo tempo. Perche', sai, a volte penso di esagerare nei contorni delle ricette e che qualcuno li salti per puntare alla ricetta.
      Ma e' anche vero che dopo tanta fatica, e prove, devo pur raccontare qualcosa.
      Io tuoi aggettivi sono molto apprezzati, cosi' come i croissants dai vicini :))
      Anche se, va detto, successive infornate, volutamente non pubblicizzate, sono finite ugualmente in breve tempo.
      Un aggettivo che potresti usare per descrivere il mio giro vita attuale potrebbe allora essere: imponente :)))

      Elimina
  14. corrado che U O M O ...vorrei uno come te che invece di mangiare solo cucinerebbe anche per me hihiihih
    complientissimi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non sai quanto sei vicina alla realta': spessissimo chiedo alla moglie: Che vuoi mangiare stasera?
      Il rovescio della medaglia e' che sono, si, concupito, ma solo per la cucina :)))

      Elimina
  15. Arrivo con ritardo mostruoso ma non potevo perdermi il tuo post magnifico, leggere la cronaca degli intralci e delle problematiche che anche io ho riscontrato ma a cui non sono riuscita a dare risposta (e qui le trovo). Sei un pilastro di questa sfida e ti meriti la vittoria. Un forte abbraccio. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patty, sei, al solito, un tesoro :)

      Elimina
  16. Non mi sono soltanto persa i migliori... mi sono persa questo post mostruosamente stupendo!

    complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Mai, sei troppo buona :)))

      Elimina
  17. Quasi quasi mi perdo questa ricetta dettagliatissima con tutte le tue sperimentazioni..
    Bravissimo!!
    Un abbracio
    Vera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazieeeee
      Un abbraccio anche a te :)))

      Elimina
  18. lo spirito del divertimento è la prima cosa e complimenti per il risultato

    RispondiElimina