13/11/09

Cena nel contado


































Sabato sera parteciperemo a questa cena contadina, fatta cioe' da gente del contado.

Siccome il menu e' quasi illeggibile, l'ho ricopiato qua sotto...

Prima vivanda o primo servizio di credenza
Crostini funghi e pere
Crostini con spuma di fichi secchi e noci, coperti di salame
Salviata
Torta al formaggio e pancetta affumicata

Seconda vivanda o primo servizio di cucina
Zuccata (minestra di zucca, ceci, cannellini e farro)
Torta di riso e zucca

Terza vivanda o secondo servizio di cucina
Rosto in cisame
Pollo finocchiato
Insalata di campo

Quarta vivanda o Secondo servizio di credenza
Torta di pere e mele al mosto

Pane e Vino del contado et Acqua della fonte

(Le cuciniere fiorentine)


Lo scopo e' beneficenza, e, a parte la quota di iscrizione, penso che a tavola ci spilleranno delle offerte "libere". Col ricavato contribuiremo, nel nostro piccolo, a costruire dei pozzi in Africa.
Il menu, l'avrete visto, e' rigorosamente basato su ricette rinascimentali, e a tavola saremo serviti da donne in costume contadino dell'epoca. Tutto e' comunque fatto su base volontaria, niente organizzazioni o catering, solo tanta buona volonta'.
Volevo segnalarvelo, iniziative come queste dovrebbero essere piu' frequenti.

E, anche, volevo farvi un po' rosicare.....



PS - Per il mio contest "3 su 5" ho gia' ricevuto diverse ricette, ne pubblichero' una prima lista a breve. Amici e conoscenti si stanno scervellando per inventare qualcosa da presentare.
Ho anche ricevuto qualche rimostranza da mariti che lamentavano che le mogli li scocciassero in continuazione: "e te, come faresti?".

.

10 commenti:

  1. Nell'intento del rosico sei riuscito alla grande...te pòssino!!!

    RispondiElimina
  2. ...quella spuma di fichi e noci mi attira non poco...ma anche il pollo finocchiato...aspetto tue considerazioni post cena.
    Per essere una serata "contadina" mi pare ben strutturata...
    Mercoledì prox. avrò una cena con tema l'autunno... spero anch'io in una piacevole serata !!!

    RispondiElimina
  3. Corrado dove vien fatta questa cena? che invidia! ad averlo saputo prima e con i bimbi in perfetta forma avrei fatto un pensierino alla cosa...(che sfacciata che sono!)

    RispondiElimina
  4. @Alex e Virginia: il menu' e' stato costruito da un gastronomo esperto della cucina di quei tempi. Sulla riuscita in cucina, beh, vi sapro' dire.

    @Silvia: viene fatta alla SMS di Rifredi, da un gruppo di donne che cucinano e servono a tavola. Credo che i cibi (materia prima) siano forniti dalla COOP (da sempre molto attiva in queste iniziative). Abbiamo saputo della cena perche' mia moglie lavora alla Coop, anche se in un altro settore merceologico, e ci siamo rientrati per un pelo (ultimi 2 posti). Come puoi immaginare i posti sono andati a ruba. Per il futuro ti posso informare di simili iniziative, sperando che ci sia posto.


    A TUTTI, UNA COSA DIVERTENTE: ad una di queste cene rinascimentali a lume di candela venivamo serviti in tavola da uomini, dei paggi in calzamaglia e berretti con grandi piume. Avevo notato che le piume erano orientate tutte all'indietro, erano quasi orizzontali e chiaramente erano una nota stonata, che saltava all'occhio. Avevo chiesto il perche' e mi avevano spiegato che le prime volte le piume erano orientate correttamente, ma che quando i paggi si chinavano per servire i piatti ai commensali le piume sporgenti prendevano fuoco sulle candele accese. Allora: bicchierate d'acqua sui paggi, corse dei medesimi in cucina, moccoli alla toscana, etc.
    Divertente per chi guarda, meno per gli infuocati paggi....

    RispondiElimina
  5. Si tienimi informata sulle prossime iniziative simili!
    ciao!

    RispondiElimina
  6. A me interesserebbero tutte le torte sia quelle salate che quelle dolci... Poi mi racconti com'erano?! ;)
    È un'iniziativa davvero divertente e interessante.
    A presto!

    RispondiElimina
  7. ma invitare no?????? cattivo!

    RispondiElimina
  8. ...la storia del "pennacchio" è proprio bella...

    RispondiElimina
  9. Che meraviglia di cena, se poi si unisce al buono la bontà del gesto....
    Rosicare ??? Si parecchio, adoro queste cene (grrrrrr).
    Albertone

    RispondiElimina
  10. La ricostruzione storica è corretta, in effetti sono tutti piatti rinascimentali probabili ad una tavola contadina. L'unica cosa è che non sarebbero mai apparsi tutti insieme ed in quell'ordine, perchè si tratta di una modalità di servizio tipica di un ceto molto più elevato e di una borsa molto più ricca...
    Meglio comunque questa volta gli abiti da contadini che i costumi da paggi...In effetti, per evitare di intingere i pennacchi nelle portate od altri inconvenienti come quello da te citato, i servitori addetti alla tavola nobile non avevano piumaggi decorativi. L'unico con un copricapo importante era il trinciante... ma potreste sempre indossarli voi commensali!

    RispondiElimina