26/04/12

Risotto d'alpeggio - Fontina e fiori di Lavanda

















Questa e' la fioritura della lavanda che Anna Maria aveva trapiantato tempo fa.  L'odore, specie sotto il sole, e' inebriante e, unito al ronzio di api e altri insetti, trasporta d'istante su qualche prato alpino assolato.
Detto fatto, ho improvvisato un risotto con fontina e fiori di lavanda.
Buono e profumatissimo.





















Ingredienti per persona
70 gr. di riso, Carnaroli o Roma
1 cipollotto bianco
2 cucchiai olio e.v.o. leggero
Brodo di verdura
20 gr di Fontina DOP
Un pugnello di petali di fiori di Lavanda


Preparazione
Tritare finissimamente il cipollotto, solo la parte bianca.  Tagliare la fontina a cubetti di 1/2 cm al massimo. Il brodo dev'essere bollente.
In una casseruola far soffriggere il cipollotto nell'olio e, non appena accenna ad imbiondire, ma anche prima, versare un mestolo di brodo di verdura.  Far evaporare tutto il brodo, in questo modo il cipollotto, che si e' gia' insaporito nell'olio, stufera' e perdera' l'eccesso di cipollosita', lasciando solo l'aroma.
Mentre il cipollotto sta stufando far saltare a parte il riso senza condimenti, cosi' da tostarlo bene.
Quando il brodo del cipollotto e' quasi tutto consumato aggiungere il riso tostato e mezzo mestolo di brodo. Mescolare bene, finche' anche questo brodo e' evaporato, poi portare il riso quasi a cottura nel modo solito.
Con il riso ancora molto al dente versare un mestolo di brodo e la fontina tritata. Mescolare bene finche' la fontina si e' sciolta.  A questo punto il riso dovrebbe essere cotto al punto giusto. Assaggiare e regolare di sale. Se il risotto appare un po' liquido niente paura: nel tempo che si impiatta e si serve la consistenza sara' perfetta.
Impiattare e cospargere con i petali dei fiori di lavanda.  Ho provato anche ad aggiungere i fiori mentre il riso era a fine cottura, ma si perde molto del profumo, quindi il risultato (e il gradimento) migliore e' quello con i petali cosparsi sul piatto.
















All'assaggio si sente il saporoso latteo della fontina mescolarsi al profumo di lavanda, che, esaltato dalla temperatura del risotto, esplode in bocca.
Questo risotto piacera'.   Ve ne accorgerete dagli occhi persi dei commensali al momento della prima forchettata: si sentono su quel prato di lavanda, al sole.

.





14 commenti:

  1. Hai saputo evocare le sensazioni di questo risotto profumato...e la lavanda è bellissima, non si può non dirlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' veramente buono....
      Pero' bisogna usare lavanda fesca, in fiore. Niente lavanda in fiore da te, I suppose?

      Elimina
  2. La lavanda secondo me ha un sapore un po troppo forte non so in cucina non ho mai provato.
    Comunque in fatto di primi sei una potenza quindi mi fido quindi la salvo e chissa non la provi......X__-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, guarda, aggiunta cosi' daì solo profumo di fiori. Forse ti pensi all'odore della lavanda secca che si mette nei cassetti, etc.
      Con i fiori freschi e' tutt'altra cosa: delicatissimo.
      Anzi: stai bassa col formaggio, altrimenti il tenue profumo si perde...

      Elimina
  3. io e la lavanda abbiamo una relazione intensa. con questo risotto mi hai conquistata (se mai ce ne fosse ancora bisogno!!)
    ;)
    b

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Provenza c'e' tanta lavanda. Te lo dico nel caso che.....
      XOXO

      Elimina
  4. che poesia! sai sempre descrivere benissimo i tuoi piatti! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche cucinarli :) (abbasso la modestia....)
      CIAO :)

      Elimina
  5. che meraviglia...come cambiano le cose a seconda di dove sei...la mia lavanda si sta preparando...grazie alla pioggia è bella piena e ricca...ma per i fiori devo aspettare ancora un po'
    :)

    RispondiElimina
  6. lo faccio, lo faccio appena la mia lavanda fiorisce.... noi siamo ancora indietro a Firenze!
    Che bello Corrado.....
    Posso confidarti un segreto: una persona a me carissima si chiamava come te..... e cucinava da Dio come te.... grazie

    RispondiElimina
  7. ma questa è istigazione a delinquere bella e buona!!! vuoi farmi fare tutti i risotti di questo mondo??? ;))
    ma per un po' niente lavanda per me... mi è bastato il mojito di cedroni!!
    un bacione a firenze e buon weekend

    RispondiElimina
  8. Ma che inteRessante abbinamento!complimenti!

    RispondiElimina
  9. Marcellagiorgio29 aprile 2012 20:32

    Buono!
    Profumato, cremoso e saporito!
    Bravo Corrado sei il re dei primi!

    RispondiElimina
  10. Ottima ricetta, la devo provare :)

    RispondiElimina