05/02/11

Treccine greche agli agrumi
























Ormai lo sanno tutti che io per i dolci sono negato. E' per questo che pubblico volentieri ricette di amiche. Per fortuna che ho amiche dotate....

Oggi e' la volta di Sabry, con delle treccine che personalmente vedrei bene intinte nella cioccolata calda per essere goduriosamente sgranocchiate nelle giornate d'inverno. 
Oppure usate come un cucchiaino per tirar su della granita al limone nelle calde serate estive, magari guardando un tramonto sul mare.
O anche accompagnate da un bicchiere di zibibbo pantesco. O anche... O anche..

Lascio la parola a Sabry:


Per circa 30 treccine
280 gr farina
120 gr burro
100 zucchero
4 cucchiai di panna fresca
2 tuorli
una punta di sale
buccia grattugiata di 2 limoni e di 1 arancia

Con la frusta sbattere il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso o comunque morbido.  Aggiungere i tuorli e la panna.
A parte mescolare la farina con il sale e le bucce grattugiate.  Incorporare il tutto all'impasto precedente. Tenere l'impasto al fresco per un ora (o tutta la notte) poi staccare delle noci e formare dei salsicciotti di circa 20 cm.  
Piegarli in due e attorcigliare. Mettere le treccine sulla teglia da forno e cuocere a 180° per 20 minuti o fino a che siano dorate, ma meglio un minuto meno che più per non farle indurire!





















Si conserverebbero (notare l'uso del condizionale) in una scatola di metallo.
Ma niente da fare: spariscono velocemente.


 E brava Sabry ! ! !

.

14 commenti:

  1. Brava Sabry e bravo Corrado, la prima per la ricetta, il secondo per la presentazione, come sempre mooolto accattivante!

    RispondiElimina
  2. Buone l'ho provate anche io sono nel libro nuovo di Sigrid, emanano un profumino delizioso!!

    RispondiElimina
  3. Complimenti a tutti,molto carine!
    Cuissa perche' mi aspettavo una copertura di miele....
    Salutoni.

    RispondiElimina
  4. Marcellagiorgio6 febbraio 2011 14:46

    Sabry sei una garanzia!!
    Corrado un magnifico anfitrione!!

    RispondiElimina
  5. Grazie per la segnalazione Corrado.
    Mandi

    RispondiElimina
  6. Sono stupende! Brava Sabri e bravo Corrado!

    RispondiElimina
  7. Ciao Corrado, devono essere stupende. Adoro ogni dolce che abbia sensazioni agrumate. Ero giusto in cerca di qualcosa di dolce da sgranocchiare .. nelle scatole di metallo non dura mai nulla, chissà .. i dolci se li mangerà direttamente la scatola !! Manu

    RispondiElimina
  8. Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

    RispondiElimina
  9. buone queste treccette agrumate! :)
    e brava la Sabry!

    RispondiElimina
  10. Trecce agrumate sono ottime per la stagione e non solo. Comunque io nutro dei dubbi sui limiti di Corrado coi dolci :)
    Ottima la scelta del "potrebbero" alla voce "conservazione" delle treccie.Sono così tentatrici...

    RispondiElimina
  11. Ciao Rossella, che piacere risentirti: finalmente ti ho aggiunto al mio blogroll, non so perche' non l'ho fatto prima....
    (non mi scappi piu')


    PS - Poco sopra mi ha contattato Rosetta, del blog ilfogolar.blogspot.com che saluta con "mandi". Sara' mica un'altra friulana expat?

    RispondiElimina
  12. Carissimi
    Mi erano sfuggite queste treccine. Buone, le voglio fare di sicuro!!
    Brava sabry, come sempre sei una garanzia.
    Corrado grazie sei un generoso padrone di casa virtuale
    Un bacio a tutti e due ed ad Annamaria

    RispondiElimina
  13. Brava Sabry , bravo Corrado ........
    Un abbraccione ad Annamaria !

    RispondiElimina
  14. Devono essere deliziose queste treccine !!!
    Complimenti a Sabry e al padrone di casa !!!
    Un saluto.
    Virginia

    RispondiElimina