13/08/09

Torta di Anna Maria (Mele, Limoni, Pinoli)






























Ora, io dico: le pasticcerie esistono per un qualche motivo, no? Per Anna Maria NO, se siamo invitati a pranzo. E allora, forza con i suoi cavalli di battaglia, forza con il forno al 13 di Agosto!
In queste occasioni vengo gentilmente invitato a stare alla larga e mia moglie mette in cantiere le torte che vengono dalla mamma, che vengono dalla nonna, etc. etc.
E' stato sempre un successo, per una o due fette di questa torta i presenti trovano sempre posto. E questo nonostante che ospiti e ospitanti siano gia' con l'occhio smerigliato dal gran mangiare (Oggi non ho appetito, con questo caldo... Per me solo un pochino... Nooo, troppo! E figuriamoci se avevano appetito...).
Questa torta si differenzia dalle solite torte di mele per l'uso di limoni e pinoli, per la scelta di non usare burro ma olio di semi (risultato di leggerezza) e per l'ordine in cui i vari ingredienti vengono aggiunti e lavorati. Sembra niente di che, ma le differenze si sentono nel risultato. Morbida, leggera (per l'assenza del burro e per l'uso dell'olio di semi), golosa.
Insomma, ho deciso di condividere con voi questo capolavoro di Anna Maria e delle varie generazioni di mamme. Ecco qua....

Ingredienti
Una tortiera apribile da 27-28 cm, dai bordi un po' alti
330 gr farina 00
330 gr zucchero bianco
2 limoni
5 mele gialle, anche asprine
3 uova
1 bicchiere di latte
50 gr di pinoli sgusciati
3/4 di bicchiere di olio di semi di arachidi
1 bustina di lievito istantaneo B...

Preparazione
Accendere il forno e portarlo a 230 gradi. Sbucciare le mele, tagliarle a spicchi (un ottavo o giu' di li') e irrorarle con succo di un limone. Sbucciare l'altro limone, togliere i semi e tagliare la polpa a cubetti di un cm circa.
In una boule versare farina, zucchero, un uovo intero e due tuorli. I due albumi vanno conservati, serviranno piu' tardi. Lavorare ben bene con l'aggeggio elettrico a due fruste, poi aggiungere l'olio e i cubetti di limone, lavorare ancora un paio di minuti quindi aggiungere il latte.
Lavorare un paio di minuti, quindi aggiungere poco per volta la farina, continuando a lavorare. Dopo qualche minuto di lavorazione lasciar riposare e montare gli albumi a neve. Quando gli albumi sono montati versarli sull'impasto insieme alla bustina di lievito istantaneo e a meta' dei pinoli. Continuare la lavorazione con l'aggeggio elettrico ancora per 5 minuti abbondanti.
Versare l'impasto nella tortiera, inserire gli spicchi di mela a raggiera, premendo bene. Spolverare con l'altra meta' dei pinoli e con una manciatina di zucchero. Infornare a forno ventilato per circa 40 min. Dopo i primi 30 minuti coprire con carta stagnola. Verso i 40 minuti fare la prova stecchino per verificare lo stato di cottura. Sformare e lasciar raffreddare.

Ho gia' descritto prima le favorevoli reazioni dei presenti, non aggiungo altro, salvo che la torta si conserva, purche' coperta, per un tre giorni. Pardon, si conserverebbe....

A presto, un saluto da Anna Maria.

.

11 commenti:

  1. Che buona questa torta di mele, complimenti.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  2. Complimenti deve essere squisita!

    RispondiElimina
  3. Una torta veramente invitante, del genere che piace molto anche a me ed è riuscita ottimamente. Ci credo che non si è potuto conservarla...
    Complimenti ad Anna Maria. Saluti Virginia

    RispondiElimina
  4. annamaria, hai tutta la mia solidarietà.
    corrado..... ma mettile l'aria condizionata in cucina!!!!! io da quando l'ho messa, panifico e sforno tutti giorni, anche in agosto!
    ;-)
    brava anna maria!!!!

    RispondiElimina
  5. Questa me la segno proprio... mi piace da morire l'abbinamento pinoli-limone... e vista così potrei anche decidere di fare la famosa torta di mele,ultra richiesta da i miei amici ma che non preparo mai perchè non è che mi faccia proprio impazzire !!!!Grazie a te e ad Anna Maria

    RispondiElimina
  6. Che bell'accostamento, mele pinoli e limone, dev'essere davvero buonissima! Alla prima occasione proverò a farla! Grazie :)

    RispondiElimina
  7. io sono assolutamente d'accordo con annamaria...meglio fatto in casa..in pasticceria ci sa andare chiunque!:DDquesta delizia poi...

    RispondiElimina
  8. E' bellissima questa torta la copio subitooo

    RispondiElimina
  9. Se ora ci si mettono anche le nostre metà....cosa succederà da Giulia a settembre ? Assisteremo alla presentazione dei loro elaborati ! I nostri verranno lasciati nell'angolino....per KIRA.....Livio

    RispondiElimina
  10. alessandra martinuzzi6 settembre 2009 21:14

    nell'imbarazzo della scelta, da brava mamma e da gran golosona di dolci, ho voluto iniziare ieri provando questa ricetta e devo dire complimenti ad Anna Maria! Davvero ottima e particolarmente gradita per la sua leggerezza. Confermo che durerà poco, anzi penso che domani mattina a colazione ne decreteremo la fine, ahimè. La saluto Signor Tumminelli. a presto AM

    RispondiElimina
  11. hei!! ciao! dovevo fare una torta per stasera e....anche io ho preferito andare su ricette già collaudate come questa!!...che dire spulciare tra i post fa comodo avvolte quindi....all'opera!! proverò a fare questa bella torta leggera leggera!!....un abbraccio... gab

    RispondiElimina