20/01/10

MINNE, fatte da Chiara




















Bella, eh?

Ma non e' roba mia, chi mi conosce sa che per la pasticceria sono negato. D'altronde un blog che si rispetti qualche dolce lo deve avere, quindi ospito volentieri le preparazioni di amiche che non hanno (ancora) un blog.
Aspettatevi altre bonta' come questa, per il futuro.
Queste splendide Minne di S. Agata sono state fatta da Chiara (chiara.camera@gmail,com), che e' molto brava e che nel tempo libero fabbrica torte e altre piacevolezze per se' e per conto terzi. Fa anche la cuoca a domicilio, se vi puo' interessare....
Per la pasticceria oggi diceva che ha fatto una Paris Brest con una crema di sua invenzione, buonissima, che se fosse possibile brevettarla.....
Io neanche sapevo cosa fosse una Paris Brest, se qualcuno fosse ignorante come me puo' guardare sul sito di Sigrid: www.cavolettodibruxelles.it cercate il post del 23/10/2006.

Minne di S. Agata, dicevamo: sono delle cassatine squisite, a forma di seno, battezzate cosi' in ricordo della Santa omonima, martire a Catania e patrona della citta'. Per i particolari sulla Santa potete leggere QUI.
Dal punto di vista dolciario adesso lascio il campo a Chiara, la quale, perfezionista com'e', mi ha chiesto di specificare che queste minne possono ancora migliorare (mah, a me sembrano perfette gia' cosi').

Ingredienti per 6 cassatine

Per i gusci di pastafrolla:
300 gr. di farina 00
60 gr. di burro o strutto (a temperatura ambiente)
1 uovo intero
75 gr. di zucchero
2 o 3 cucchiai di latte
scorza di limone grattugiata
6 ciliegine candite
6 stampi semisferici in metallo, di 7-8 cm

Per il ripieno:
250 gr. di ricotta di pecora
70 gr. di zucchero
50 gr di canditi misti
50 gr. di gocce di cioccolato

Per la glassa:
1 bianco d'uovo, anche 2
175 gr. di zucchero a velo
1 cucchiaio di succo di limone
1 cucchiaio di acqua


Preparazione
Fare una fontana con la farina miscelata allo zucchero ed impastare velocemente con il burro, le uova, la scorza del limone. Se occorre per rendere l'impasto un po' più duttile unire il latte. Ottenuta una bella palla liscia, avvolgerla con pellicola e porla a riposare in luogo fresco per circa mezz'ora.
Preparare il ripieno lavorando a lungo con le fruste elettriche la ricotta con lo zucchero, fino ad ottenere una crema liscia. Unire quindi i canditi ed il cioccolato e incorporare delicatamente, mescolando con una spatola. Lasciare riposare in frigorifero per circa un'ora.
Portare il forno a 170 gradi. Stendere la frolla, poi tagliarne 6 dischi della misura dello stampo, serviranno per chiudere gli stampi. Col resto di frolla foderare gli stampi, premendo bene sulle pareti. Riempire con il ripieno, premendo per assestarlo bene. Chiudere con i dischi tenuti da parte, premendo un po'.
Infornare per 20-25 minuti. Far raffreddare le cassatine e sformarle su una grata, con la parte piatta in basso. Ora preparare la glassa colante (fondant), detta anche ghiaccia reale.
Gli ingredienti indicati sono listati in maniera approssimativa, perche' vanno utilizzati durante la preparazione, a seconda del grado di fluidita' da ottenere. Far intiepidire un po' d'acqua e tenerla da parte. In una ciotola mettere un bianco d'uovo con il limone e sbattere con le fruste. Aggiungere in piu' riprese lo zucchero e l'acqua, fino a ottenere una crema densa e lucida. Se non sembra abbastanza fluida aggiungere un po' dell'altro bianco d'uovo, continuando a sbattere.
Versare la glassa sulle cupolette appoggiate sulla griglia (con sotto una contenitore, per la raccolta della glassa che colera') e lasciarla dolcemente scivolare fino a completa ricopertura delle cupolette.
Lasciare essiccare e completare le minne con una ciliegina, a mo' di capezzolo.


Qua sotto le minne sono fotografate mentre finiscono di essiccare.






















Mettere in frigo, facendo attenzione che nel frigo non ci sia troppa umidita' (generata da verdure, ad esempio), perche' la glassa assorbe facilmente l'umidita' dell'ambiente in cui si trova e potrebbe risultare di aspetto poroso.


Non sono buone, sono buonissime!!! Di una dolcezza delicata, paradisiaca.






















Brava Chiara, bravissima pasticcera (invidia....).

chiara.camera@gmail,com

.

9 commenti:

  1. Complimenti alla tua amica! quindi si cuoce la frolla con la ricotta come ripieno? sarebbe bello vederne una in sezione! io, comunque, il Paris Brest lo conosco e l'ho fatto in diverse versioni, deve il suo nome a una corsa ciclistaica tra Parigi e Brest, infatti è una ruota di pasta bignè. Sono golosa e mi documento sui dolci!

    RispondiElimina
  2. Marcellagiorgio20 gennaio 2010 21:45

    Ebbbbrava Chiara!!!
    Così ci mandi a letto con la gola, non vedo l'ora di assaggiarle...tanto ce le farai assaggiare vero???
    No Corrado??? dobbiamo assaggiare...o tu hai già assaggiato??

    RispondiElimina
  3. Allora, tanti complimenti a Chiara per queste dolcezze !!! Bravo anche al fotografo !!!

    RispondiElimina
  4. Bravissima Chiara!!!! Belle le minne e bravo Corrado!!!!! Bellissime foto. I pastrocchiatori fiorentini stanno diventando sempre più bravi! L'unione fa la forza!

    RispondiElimina
  5. Brava Chiara...sono di un bello!!! sulla bontà non ho dubbi. Perchè non ti cimenti nella Paris-Brest ad esempio? non è difficile...viene al primo colpo!!!

    RispondiElimina
  6. @Alex: si, Chiara e' davvero brava. Per quanto riguarda me, ti ringrazio della fiducia, ma e' inutile che anche solo ci provi. Sara' che a me piace molto di piu' il salato che il dolce, ma fare dolci non mi attira. E quindi quando mi ci provo sono ciofeche sicure. Per non parlare dello stato della cucina, meno male che Anna Maria mi sopporta....

    @TUTTI: foto e ricetta sono di Chiara, io ho solo fornito il sito per la pubblicazione.

    RispondiElimina
  7. Eddaiiiii posso dire che le ho fatte anch'io? http://anna-thenice.blogspot.com/2009/09/le-minne-di-santagata.html
    solo dopo aver letto il libro però http://leparoledicarta.blogspot.com/2009/09/il-conto-delle-minne.html
    Ma si vede però che Chiara è una professionista. ... La sua glassa me la sogno.
    Anna

    RispondiElimina
  8. Grazie Corrado di aver dato la possibilità a Chiara di mostrare questa meraviglia!!!!!!
    Complimenti a tutti e due, a presto!!!

    RispondiElimina
  9. bravissima si ! che golosità!:D

    RispondiElimina