04/01/10

Percio' la scelta e' stata semplice...























Questi sono giorni in cui si dovrebbe stare sul leggero. Ma oggi a mezzogiorno, causa ferie mie ma non di Anna Maria, ero a mangiare a casa da solo. Quando un marito e' solo, e quindi mancano i "suggerimenti" della moglie, puo' succedere di tutto. Percio' la scelta tra diete disintossicanti e appagamento della gola e' stata semplice: risotto con fegato fresco e agrumi.
Vera e propria lussuria alimentare, una cosina per amanti del genere....

Ingredienti per 1 persona (me)
80 gr di riso Carnaroli
70-80 gr di fegato di vitello
Mezza cipollona rossa, o 1 media
6-8 cucchiai di olio evo
Brodo di carne bollente
Mezzo bicchiere vino bianco secco
Buccia di limone in polvere o grattugiata fresca

Preparazione
Far bollire il brodo. Tagliare il fegato a cubetti di 1-2 cm. Affettare la cipolla finemente e farla soffriggere in olio. Appena diventa trasparente aggiungere il fegato e farlo saltare un paio di minuti, non di piu'. Quindi aggiungere il vino bianco e far evaporare, ma non del tutto. Aggiungere il riso e farlo tostare.
Portare il riso a cottura aggiungendo via via il brodo e mescolando. Verso la fine aggiustare di sale. Fuori dal fuoco mantecare con un po' di formaggio grana.
Nel piatto spolverare con polvere di limone, o con buccia grattugiata fresca.




















Che dire? Che dire di un peccatore che si e' goduto il suo peccato fino in fondo? Non avevo davanti uno specchio, ma immagino che avessi l'espressione beata di un gatto dopo una bella mangiata.

Basta cosi', alla moglie che torna dal lavoro faro' trovare una minestra di patate e peperoncini verdi dolci. Io bravo, io buono...

.

12 commenti:

  1. Corrado, ti piace veramente tanto il fegato !!!
    Ti sei preparato un piattino invitante...; i complimenti ci vogliono sempre. Bravo, buono...
    Ciao Ciao. Virginia

    RispondiElimina
  2. eh...insomma....il fegato..ancora non sono tanto coraggiosa da metterlo in un risotto!:D

    RispondiElimina
  3. io sono dalla tua parte, specie per l'utilizzo del quinto quarto, essendo palermitana ho un rapporto particolare con queste cose dato che per le strade della mia città si trova di tutto...quindi viva il tuo risotto!!!!

    RispondiElimina
  4. @mike: ciao, benvenuta. Ho spiato un po' nel tio blog e ho visto delle cose che mi piacciono. Dalla tecnica direi che sei del mestiere.
    Sia come sia ti ho aggiunto al mio blogroll. Della serie: ti ho schedata :-)
    CIAO

    RispondiElimina
  5. Fegato for ever! bravo Corrado! già uno mangia da solo, deve anche mangiare triste? no di certo!

    RispondiElimina
  6. Il risottino è bellissimo e te lo sei gustato, però che bravo che pensi alla moglie che torna dal lavoro!
    Fortunata! Ciao!

    RispondiElimina
  7. Ciao Corrado sai anche io quando sono sola mi preparo piatti che piacciono a me ... tipo risotto alle pere e gorgonzola!
    ah ma il 3su5 che fine ha fatto chi ha vinto?

    RispondiElimina
  8. mmmhh...che spettacolo di risotto!
    Hai fatto benissimo!

    RispondiElimina
  9. Adoro il fegato, ed ogni tanto, anche se poi so che lo mangio tutto io, cedo in tentazione.
    Mi piace l'idea del limone: nelle nostre cotture si usa l'agro (aceto o succo) ma l'idea dell'aroma mi attira davvero.
    Albertone

    RispondiElimina
  10. Marcellagiorgio5 gennaio 2010 23:40

    Tu bravo e tu buono, ma tu ...non certo leggero!
    Dopo tutte le feste e quello che hai cucinato e mangiato, il risottino con il fegato ci voleva proprio!!
    Buono però!

    RispondiElimina
  11. Ecco, lo sapevo, ti tratti benissimo da solo, ancor meglio che in compagnia!
    Molto gustoso il risottino, bravo!

    RispondiElimina
  12. Grazie Corrado...!Tra l'altro scrivi anche in modo simpatico è piacevole leggere :D
    Beh..ci provo e ti farò sapere!

    RispondiElimina