23/06/15

Il mitico "Jucy Lucy", per MTC 49

















In effetti dalla foto sembra che sia scoppiato un hamburger, ma mi si e' spezzato mentre cercavo di esporre l'interno.  Pero' come hamburger e' squisito. 
Continuando a leggere scoprirete i segreti del mitico "Hamburger Jucy Lucy".
E' talmente famoso che persino un complesso rock si e' voluto battezzare come lui.
In teoria il Jucy Lucy e' un cheeseburger.   In pratica e' un insieme di due burger sovrapposti, con in mezzo del formaggio.  Gli hamburger vengono sigillati sui bordi e piastrati, utilizzando anche un singolare accorgimento di cottura. 
Quando si addenta un Jucy Lucy si e' alluvionati e sopraffatti da bollente e squisito formaggio fuso.
Il Jucy Lucy e' stato inventato negli anni '50 in un bar di Minneapolis, la twin city del Minnesota.   La paternita' dell'invenzione e' contesa tra due bar della stessa strada, Cedar Avenue.   Uno, il "5-8 Club", afferma di averlo creato nel 1950, l'altro, il "Matt's Bar" di averlo messo sul menu nel 1954.





















































Chi ha copiato chi?   Non si sa, ma e' certo che la guerra tra i due bar continua tutt'oggi.   Per motivi di copyright uno lo chiama "Jucy Lucy", l'altro aggiunge una "i" e lo chiama "Juicy Lucy".
La pubblicita' del Matt's Bar proclama "Remember, if it is spelled correctly, you are eating a shameless rip-off!" dove rip-off e' slang per "fregatura". 
Mentre sulle magliette indossate dallo staff del 5-8 Club si legge "If it's spelled right, it's done right".
Chiunque l'abbia inventato, il Jucy Lucy e' citato da Time Magazine, niente di meno, come uno dei "17 most influential hamburgers".
Il nome?  Pare che un cliente abituale, un giorno d'inverno del 1954, abbia chiesto di fare un cheeseburger raddoppiando la dose di carne e mettendo il formaggio al centro anziche' sopra.
Il cuoco lo accontento' e quando il nuovo cheeseburger fu addentato il cliente esclamo' "Oooh, that's one juicy lucy!".  Sembra che il cliente usasse la parola Lucy d'impeto,  per far rima con Juicy, e che nessun significato recondito sia associato alla parola "Lucy".
Visto il subitaneo successo il nome fu poi trascritto sul menu dal cuoco, che pero' omise per sbaglio la  "i".       Il resto e' storia.
Ultima curiosita': quale degli hamburger  serviti dai due contendenti e' il migliore?   Pare che sia quello del Matt's Bar, sia per qualita' della carne che per quella del formaggio, e che tra i due sia il piu' "Juicy".  
Da notare che il Matt's Bar non ha la grande cucina che invece ha il 5-8 suo concorrente.   Ha anzi un piano cottura di 2m per 1, insomma e' un puro grill bar, se vogliamo un "postaccio".
Ma la qualita' vince sempre, tanto che il Presidente Obama ha mangiato un Jucy Lucy da loro, e non al 5-8.
Titoli sui giornali: "Obama takes a position on Jucy Lucy! ".   Se interessa c'e' un video amatoriale, QUI


Ma torniamo al mio tentativo di Jucy Lucy, per MTC 49
















Intanto la carne: su consiglio di Marco Stabile e' da preferire il taglio detto "Copertina di spalla", che tempo fa era economicissimo ma che da quando gli chefs hanno iniziato a usare e' molto aumentato di prezzo.   Io ho reimpastato a mano il macinato dopo averlo spolverato con poco peperoncino in polvere.  

Poi il formaggio: in USA piacciono le cose un po' esagerate, quindi il formaggio dev'essere coloratissimo.   Per un certo tempo si diceva che il formaggio usato era Cheddar, ma poi ci furono delle discussioni con gli inglesi e da allora il formaggio usato nei Jucy Lucy e' denominato "American cheese". 
Il vero Cheddar diventa arancione solo dopo un lungo affinamento, e pertanto e' ormai prodotto artigianalmente o poco piu', dato che un lungo affinamento significa un protratto fermo di capitale.  Caratteristica questa molto poco gradita alla grande industria.   E comunque in USA, anche secondo buon senso, l'enorme quantita' di formaggio arancione usato ovunque (per gli americani un formaggio piu' e' colorato e piu' sembra buono) non poteva essere tutto e sempre del vero Cheddar.
In USA, se vi capita, scegliete sempre formaggi pallidi, se non altro ingollerete meno colorante.    L'American cheese e' formato da scarti di lavorazione di latticini e NON E' quello che si dice un formaggio naturale.
Gli stessi produttori,  se obbligati, lo chiamano "Processed cheese".  
Leggete cosa dicono di esso alcuni: "Also referred to as American cheese, any of several types of natural cheese that are pasteurized to lengthen storage life and combined with emulsifiers to add smoothness.  Some processed cheeses may contain added colorings and preservatives.  Products labeled cheese "spreads" contain added liquid for a softer, more spreadable mixture.  Processed cheeses keep well, but lack the distinctive flavor and texture of natural cheeses".

Detto questo, mi sono procurato, al costo di un botto, del Cheddar proclamato originale.























Come altra farcia ho aggiunto delle patate fritte, perche' in USA se non ci sono le patate fritte sembra che manchi qualcosa di fondamentale.
Come contorno ho usato degli anelli di cipolla fritti, ma nella farina di mais, per aggiungere sapore e colore.

Per i buns ho usato la ricetta gia' spiegata in un mio precedente post, QUI 
Mentre in USA un Jucy Lucy e' grande tra i 5 e i 6 pollici (diciamo 13-14 cm) io ho preferito farne una versione mini, sugli 8 cm.

Per costruire un Jucy Lucy servono due burger normali.  Su uno di questi si stendono tre strati di fettine di Cheddar, ritagliate per non uscire dai bordi.

























Si sovrappone l'altro burger e si schiacciano fortemente i bordi per evitare che il Cheddar esca in cottura.   Il risultato assomiglia a un disco volante.



















E arriviamo alla cottura e all'accorgimento usato.


















Siccome lo spessore del doppio burger e' elevato, c'e' il serio rischio che bruci di fuori e non cuocia dentro.  E, peggio ancora, che il formaggio non si fonda come dovrebbe.
Con un pentolino messo sopra si genera una camera calda e il calore di cottura puo' essere tenuto piu' basso, in modo da evitare le bruciacchiature superficiali.



      Ma non basta...





















Versando poca acqua intorno al pentolino si ottiene una piastratura "aiutata da  vapore", che consente di tenere morbida la carne e di prolungare la cottura, cosi' da dar modo al calore di arrivare all'interno e fondere il formaggio.   Dopo cotto salare con sale grosso.


Mentre e' in corso la cottura "al pentolino" si friggono gli anelli di cipolla, prima panati nella farina di mais.   Una volta fritti gli anelli si gettano nella faina di mais e, bollenti come sono, catturano altra farina di mais che dara' croccantezza.  Salare senza timidezza.


















Si friggono anche delle patatine e le si aggiungono sopra al burger.  Vista la dimensione del mini burger ne ho messe poche, ma immaginate un Jucy Lucy di 15 cm coperto letteralmente di patatine.  Anche qui, salare senza timidezza.




















Ed eccoci al risultato finale, aperto come da regolamento per far vedere l'interno.
Appena messo nel piatto e' cominciata la Fase Ridolini......
- Presto, prima che si raffreddi e il formaggio non coli piu'...
- Dove ho messo il coltello, quello piu' affilato?
- Con la sinistra devo tener fermo l'insieme mentre taglio....
- Acciderbolina come scotta (veramente sono uscite altre parole)......
- Ma per la miseria (ancora altre parole) mi si sta rompendo tutto....
- Stai fermo mentre prendo la reflex.....
- Presto, scatta, scatta, scatta, mentre il formaggio sta ancora colando....

















E pensare che un Jucy Lucy va solo addentato e goduto, altro che aperto e fotografato....



Devo dire che capisco mia moglie quando mi guarda e pensa (tanto lo so cosa pensa) "Tutto questo sbattersi per una gara.   Questo MTC me lo esalta troppo....".

Sfinito, vi saluto.

.

27 commenti:

  1. Grande storia questo panino,grandioso il tuo post!

    RispondiElimina
  2. Questo hamburger è da sturbo!!!!!!!! Io lo lovvo abbestia!!! Corrado l'ultima fatica è un capolavoro! Grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E mille grazie anche a te, Susy :)))))

      Elimina
  3. secondo me Obama se lo vede sceglie ad occhi chiusi di mangiare il tuo di Jucy Lucy! :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ilaria, ti ringrazio :))))
      Come ci sono rimasto male quando l'hamburger si e' scomposto......

      Elimina
  4. Corrado ho letto tutto il post, mi ha dato un grande piacere leggere tutta la storia di questo Hamburger di cui, confesso, non conoscevo l'esistenza. Il metodo di cottura è veramente unico, da usare anche per altre cose (mi hai aperto un mondo). Quindi chi se ne frega che si è un po' scassato nell'aprirlo per la foto, per me hai fatto veramente un gran bel lavoro e io, fra tutti, ti nominerei veramente il vincitore. Bravo Corrado!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Helga :))) Quel metodo di cottura va provato per ogni tipo di roba da cuocere, perche' troppo vapore potrebbe lessare il cibo.
      Pero' una volta fatta una o due prove va benissimo per spessori grandi.
      Spero di non vincere, troppo stress.... ;))))))))))

      Elimina
  5. Tanto goloso quanto pericoloso!!!
    Tua moglie santa subito, anzi.....prima!!!;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La moglie e' santa ormai da molti anni :)))))
      Sono io che ne approfitto un filino......

      L'hamburger e' veramente goloso. Curiosita': in USA usano del pan brioche per questo hamburger, dicono che e' meglio per questo ripieno
      CIAO :)))))))))))))))))))

      Elimina
  6. Post istruttivo e panino che urla: Mangiami!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella colata di formaggio fuso quando lo addenti e' qualcosa che non si dimentica.

      Grazie e CIAO :))))

      Elimina
  7. WoW Corrado la tua ultima fatica valeva davvero la pena! Come mi piacciono tutti i cibi con una storia se poi è pure divertente! L'idea della cottura interessantissima. La proverò :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo tipo di cottura l'ho visto in un video e l'ho subito amato e adottato.
      Richiede qualche prova, per evitare di fare un burger bollito, ma una volta azzeccato e' un metodo molto comodo :)))))))))))))))

      Elimina
  8. Diciamo che sono stata "svezzata" a suon di ribollita e hamburger (un binomio piuttosto curioso...) e quindi questo MTC ha trovato pane per i miei denti (giusto per intenderci)! Non ho mai assaggiato il Juicy/Jucy Lucy originale ma tanti burger sono passati sotto il mio ponte a devo proprio assaggiare la tua versione. Il cheddar me lo sono procurata dal mio spacciatore in Veneto, ma per questo MTC non l'ho usato!
    Complimenti
    Ciao Isabel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Isabel :))))
      Se lo fai pressa bene i bordi altrimenti il Cheddar puo' uscire in cottura.
      CIAO :)))

      Elimina
  9. Noooo! Hamburger con sorpresa, che genialitá! Non conoscevo nè la storia nè la ricetta di questo super paninozzo.. Dovrò assolutamente proporlo in una delle nostre cene, gli invitati saranno felici!
    E per tua moglie consolarla, siamo tutti pazzi per MTC!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie !
      La moglie sopporta...... :))))))))))))))

      Elimina
  10. Un'altra storia di storia culinaria. Grazie Corrado!
    Il burger con cuore di formagio è un'idea fantastica!
    Bravo per tutto!
    Abbraccione!
    A presto!

    RispondiElimina
  11. Un'altra storia di storia culinaria. Grazie Corrado!
    Il burger con cuore di formagio è un'idea fantastica!
    Bravo per tutto!
    Abbraccione!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Cristina ! !
      I tuoi 3 burger non erano da meno :)))))
      Digital kiss, a presto
      :)))))))))))))

      Elimina
  12. Ma io con te come devo fare che mi hai presentato un panino meglio dell'altro!? Il jucy lucy lo conosco ma mai addentato o provato a farlo, sai? E dopo tutto questo popò di roba (come diciamo a Roma e che ti dico mea sua accezione più straordinaria e sbalorditiva viste tutte le nozioni che ci hai regalato) penso che sarà uno dei primi che proverò una volta finita la stagione.
    Già so che impazzirò (e mio marito appresso a me) per quel formaggio colante...
    Grazie mille per i suggerimenti di cottura, ne farò tesoro!
    E anche per il sorriso strappatomi a immaginarti mentre cerchi il coltello/ tagli/fotogrofi e l"unica cosa che desideri veramente è solo mangiare!!! :D

    Dai un abbraccio stritolante a quella santa donna di tua moglie da parte mia!! :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Arianna. Mi fa sempre piacere quando qualcuno nota tutto cio' che c'e' dietro a una foto e a una ricetta spiegata in dieci righe :)

      Quando rifai il jucy lucy tieni il bun molto morbido (in USA per il jucy lucy e' d'obbligo farlo morbidissimo, tipo pan brioche), perche' il mio questa volta era un po' piu' denso, il che ha facilitato l'esplosione al momento del taglio.

      A volte MTC e' strssante :)

      Se la chiamano la Santa Donna un motivo ci sara'..... :D

      CIAO :)


      Elimina
  13. ora dimmi tu cosa mi è venuto in mente leggendo questo post... correva l'anno 2009, credo, e facevo da giudice ad un contest letterario di cui non ricordo nulla, se non il nome del vincitore :-)
    era un episodio che avevo accantonato chissà dove, nei cassetti della memoria e che mi è rimbalzato potentemente in mente, riconoscendo in questa prosa così felice, così scorrevole, così arguta quell'allora sconosciuto food blogger che tanto svettava, in mezzo a concorrenti più anonimi o meno dotati.
    Poi, abbiamo conosciuto altre doti ;-) che hanno finito per oscurare quella che fu galeotta e che tornano anche in questo post, dalla cultura gastronomica allagenialità della tecnica. Ma rinverdire il passato, ogni tanto, non guasta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, non so come rispondere, se non che col tuo commento hai fatto ingrassare il mio ego :-)
      (ego pingue in corpore pingue)

      CIAO :-) :-) :-)

      Elimina
  14. Incantata, sì questo è il termine giusto per dirti come ho divorato il tuo post, perchè dire che l'ho letto è riduttivo!!!
    Continuo a degluttire e sono solo le 10.30....
    Devo correre a leggermi altri tuoi post, perchè se sono tutti così avrò la gioia di un giorno di pazzia

    RispondiElimina
  15. Grazie, sei molto gentile. Mi piace aggiungere qualche storia alle nude ricette :)))

    RispondiElimina