22/04/10

Due di tre - Cena 15 Euro





















Solito titolo criptico, come e' di moda tra molti foodbloggers?
Ma no, e' solo la seconda di tre ricette che partecipano alla simpaticissima raccolta/contest di Rossa di Sera.




























Ieri l'antipasto, oggi il secondo: "Ossobuco in crema di patate, con profumi di zenzero e pepe rosa".

Dalla foto magari non si capisce che e' un ossobuco, coperto com'e' da quella setosa cremina, comunque fidatevi, lo e'.
E dato che siete a fidarvi credetemi se vi dico che la cremina e' leggerissima e delicata.
Ho scelto l'ossobuco di vitellone, perche' volevo un secondo di sostanza a un costo ragionevole, ma anche perche' il povero ossobuco non e' considerato abbastanza chic. Eccheccavolo, ho pensato, diamogli una possibilita' :-)
Ho scelto ossobuco di vitellone per esclusione, dato che quello di manzo e' molto duro, quello di vitello di latte e' tenero, ma non sa di niente, e infine perche' il passapeso non si trova da nessuna parte.
Per chi non lo sapesse il passapeso e' il vitello che ha smesso di essere allattato, ma che non e' ancora cresciuto tanto da essere considerato vitellone. Il passapeso sarebbe l'ideale, perche' ha ancora la tenerezza del vitello di latte e ha gia' il sapore del vitellone.
Scommetto che molti macellai di quartiere fanno fatica a ricordarsi cos'e' il passapeso. Pazienza.
Per mancanza di tempo noi facciamo una grossa spesa di Sabato, al Supermercato, quindi anche la carne la compriamo li', cercando di scegliere al meglio su cio' che troviamo gia' confezionato. Dal macellaio almeno c'e' un po' di rapporto umano, non tantissimo, ma c'e'. Il massimo e' pero' in Francia, dove prima bisogna contrattare sul tipo di carne e sul suo taglio. La prima cosa che vi chiedono e' "Cosa vuol cucinare?" e la seconda: "E come lo vorrebbe cucinare?" e comincia la fase di consigli e contrattazione. Dopo che si e' trovato un accordo finalmente si puo' uscire col nostro cartoccio.
Da noi ci si limita a "me lo tagli da li', no da là'', cosa c'e' di buono oggi?" e non molto di piu'. Quale che sia il tipo di macellaio che avete davanti, e che vi guarda dall'alto della sua pedana, il conto finale e' sempre considerevole. A proposito del conto mi torna in mente quando ero piccolo e a volte il nonno, che andava a fare la spesa al mercato centrale, mi diceva "Vo' veni' con me, si va 'n San Lorenzo?". Andavamo dal suo macellaio abituale, tale Piero, e mio nonno, da dietro le persone che erano in coda, lo salutava con voce stentorea "Bongiorno macelladro!". Tutti si voltavano. A Piero non piaceva.
Non ho mai capito se la carne che portavamo a casa fosse migliore o peggiore di quella che portavano a casa gli altri :-)


Basta divagare, veniamo alla cucina. Penso di aver inventato una ricettina gustosa, con una leggera e nivea cremina che accarezza delicatamente il palato.


Ingredienti
2 ossobuchi di vitellone, circa 350 gr ognuno
400 gr patate
1 cipolla rossa
4 cucchiai olio evo
500 ml latte
Zenzero in polvere
1 cucchiaino di pepe rosa in grani


Costi
2 ossobuchi = 4,85 Euro
400 gr patate = 0,50 Euro
1 cipolla rossa = 0,25 Euro
500 ml latte = 0,80 Euro
TOTALE 6,40 Euro



























Ho perso lo scontrino di patate, cipolle e latte, ma i prezzi sono quelli, piu' o meno.


Procedimento
Sbucciare le patate e tagliarle a dadini di circa 1 cm. Lessare la dadolata di patate in acqua non salata. Schiacciare e tenere da parte i grani di pepe rosa.
Mentre le patate cuociono fare un battuto finissimo con la cipolla e lavare e asciugare bene gli ossobuchi. Tagliare via dal bordo degli ossibuchi tutte le cartilagini, poi incidere i bordi ogni 2 cm, per evitare l'arricciamento in cottura.
Spolverare gli ossobuchi con lo zenzero, senza esagerare, e massaggiare lievemente la carne, con lo scopo da far aderire bene lo zenzero in polvere.
Scolare le patate al dente, non devono sfaldarsi. In una padella dai bordi molto alti, o in una larga casseruola, mettere l'olio, accendere un fuoco medio o medio-basso e metterci gli ossobuchi. Cuocere 5 minuti per lato. (Occhio agli schizzi. Io temendo il ritorno di Anna Maria ho speso piu' tempo a pulire gli schizzi che a cucinare. E ancora non le andava bene... "Io non so come fai a fare tutto questo sporco").
Togliere gli ossobuchi e conservarli. Nella casseruola mettere il trito di cipolla e fare imbiondire. Aggiungere mezzo bicchier d'acqua e fare ritirare. Aggiungere la dadolata di patate, tutto il latte e un bicchiere di acqua. Aggiungere una presa di sale. A fuoco medio far cuocere 10 minuti, mescolando ogni tanto per non far attaccare.
Travasare tutto l'insieme in un buon frullatore o nel bicchiere del minipimer. Frullare a oltranza. Il risultato deve essere piuttosto liquido. Assaggiare e regolare di sale, tenendo presente che la carne non e' stata salata. Rimettere il frullato nella casseruola, sgocciolare gli ossobuchi e aggiungerli. Far ritirare a fuoco medio e mescolando spesso, finche' la crema non sara' addensata a sufficienza. All'addensamento pensa l'amido contenuto nelle patate.
Servire subito, spolverando col pepe rosa schiacciato. Se non piace il pepe rosa lo si puo' sostituire con altro tipo di pepe, tenendo presente che la cremina e' delicatissima e non bisogna sopraffarne il sapore. Abbiamo provato con la menta fresca, ma era un po' forte. Ad Anna Maria piace con un po' di scorza di limone grattugiata. Fate voi.























All'assaggio il sapore della carne viene avvolto dalla delicatezza della cremina, si sentono in sottofondo il dolce della cipolla e il profumo dello zenzero.
Molto goloso. La cremina e' buonissima e leggera. L'unica fregatura e' che vi troverete a ripulire la bianca cremina col pane. Occhio....

A presto :-)

.

16 commenti:

  1. certo che lo pulisco il piatto! non si può lasciare una cremina così morbida e delicata! bravo come al solito Corrado!!!
    Ora ti aspetto al varco con il dolce... ;-D
    Francesca

    RispondiElimina
  2. Ciao! caspita, con 15€ hai preparato davvero un bel piatto però!!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. complimenti, ha la faccia buonissima, poi l'ossobuco è così tenero... deliziosa!!!

    RispondiElimina
  4. complimenti, una presentazione raffinatissima per una pietanza relativamente semplice. mi piace moltissimo!

    RispondiElimina
  5. Cavolo, stai creando una cena davvera "ricca"!!!! Le salse a base di patate sono davvero gustose: io ne preparo spesso per il pesce una con il succo di limone.

    RispondiElimina
  6. Corrado, accidenti che bel secondo! Mi piace assai!
    E grazie per il racconto su come funziona in Francia, non lo sapevo...
    Stai diventando proprio il mio mito!
    Un bacio

    RispondiElimina
  7. ......e dopo questa chicca mi aspetto di vedere il dolce!!!un piatto meglio dell'altro e con poca spesa bravo davvero!!

    RispondiElimina
  8. iomilanese-laura23 aprile 2010 00:26

    molto interessante questo ossobuco alla Corrado. Devo confessare però che guardando l'immagine io ci vedo un cinghiale intero, canini compresi! Oh Rorschach che danni continui a perpetrare!

    RispondiElimina
  9. Corrado, mi diverto un sacco a leggere i tuoi racconti, ci starei delle ore! Perché non fondi anche un blog di novelle? Senza trascurare la cucina,però, eh!

    RispondiElimina
  10. Corrado cominciando dai racconti tutto ciò che condividi con noi è intrigante!!!
    Questi ossibuchi (che io adoro) sono una poesia, che leggi e rileggi e non vorresti mai arrivare alla fine.
    Complimentissimi, buon w.e.!

    RispondiElimina
  11. Le tue presentazioni sono sempre . . . . gustose, bravo come sempre. Ti sono arrivati i nostri saluti!
    Un abbraccio ad Anna Maria

    RispondiElimina
  12. GRAZIE A TUTTI, CONTENTO CHE VI SIA PIACIUTO...

    BUONA FINE DI SETTIMANA

    .

    RispondiElimina
  13. Questo contest mi piace moltissimo. Incredibile cosa si riesca a fare a prezzi contenuti. E la tua ricetta ne è la conferma.
    Qui in Germania stranamente non ho mai fatto l'ossobuco, sarebbe ora. Ma presumo che non lo troverò a prezzi così bassi.

    RispondiElimina
  14. Un vero piatto da Gourmet, non c'è che dire, con quella cremina così invitante, e per soli 6,40 € !!!

    Comunque son daccordo con te quando parli del rapporto con il macellaio... anzi, ti dirò di più: trovo che sia importante tanto che abbia buone carni quanto che sappia cucinare (o che abbia a fianco una moglie che sa cucinare), per consigliarti sempre al meglio. Io al mio non so più rinunciare.

    Alberto

    p.s.: mi diverte leggere dei tuoi tentativi di ripulire: mi capita la stessa cosa e... non pulisco mai abbastanza bene :)

    RispondiElimina
  15. Olá;
    Gourmet muito bom!
    Congratulações pelo Blog!
    Eu amo ossobuco!
    hummmmm
    Vou te seguir na ITALIA!
    Beijo!
    Vem para o BRAZIL me seguir com gastronomia.
    www.pecadosdamesa.com.br

    RispondiElimina
  16. PECADOS DE MESA: Gracias ! ! !

    RispondiElimina