26/05/11

Donne=Dolci, Uomini=Primi?? ---> Contest !!





















SI, un altro contest, ma questo non vi chiede di cucinare, ma invece di creare, di spiegare un perche'....

L'antefatto: stavo facendo un primo bilancio di quello che ho pubblicato nel mio piccolo blog e ho visto che gli antipasti sono 29, i primi 61, i secondi 27.  I dessert sarebbero 34, ma quelli miei si contano sulle dita di una mano, gli altri sono di ospiti, amiche senza un blog loro.
Da me la prevalenza dei primi piatti (61 a 27) e' schiacciante, e ben si spiega: io vivrei solo di primi....
Allora ho guardato dentro molti altri blog e ho visto che in quasi tutti stravincono dolci e dolcetti, mentre i primi sono una ridicola minoranza.
Considerato che per il 99% gli altri blog sono tenuti da femminucce se ne puo' ragionevolmente dedurre che i primi piatti sono cosa da maschietti.

E fin qui, capirai che scoperta....

MA, MA, MA... se ci si chiede perche' alle donne piacciano piu' i dolci mentre agli uomini piacciono piu' i primi il discorso diventa piu' difficile.
Personalmente non azzardo spiegazioni del famoso perche', voglio solo far osservare una deliziosa illogicita' tutta femminile: se tutte le donne sono a dieta (pardon, stanno attente a quello che mangiano), allora perche' cosi' tanti dolci?
I dolci sono un tripudio di grassi animali (burro, uova) e di zuccheri!!!
I nostri primi piatti  (nostri, intendo come maschietti) richiedono un po' di olio per i soffritti e a volte un po' di pancetta o simili, ma niente di paragonabile all'insulto che grassi e zuccheri dei dolci fanno alle silhouettes femminili.

E non venitemi a dire che le foodblogger donne cucinano dolci solo per fotografarli e pubblicarli e che poi non li mangiano, oppure che tanto, poi, i dolci li mangiano marito e figli...
In ogni caso non e' importante cosa vi piace cucinare oppure chi lo mangia, la domanda a cui dovete rispondere e' un'altra....

La domanda e': PERCHE' le donne preferiscono i dolci e gli uomini i primi?

Per partecipare dovrete scrivere un commento a questo post, spiegando secondo voi il perche'.

Possono partecipare tutti, dai foodbloggers agli appassionati senza blog.

Siccome non dovete cucinare o fotografare niente, ma solo mettere in moto il cervello e creare una risposta, non sara' necessario porre una data finale molto lontana.

Termine ultimo il 10 Giugno.

Ci saranno due (piccoli) premi: uno per la risposta piu' seria e convincente e l'altro per quella piu' divertente e, perche' no, ridanciana o irriverente.  Giudice unico, inflessibile e inappellabile: io !!!

Forza, sbizzarritevi!!!   Ho gia' alcune risposte: c'e' chi ha detto perche' dipende dagli ormoni, c'e' chi ha detto che e' perche' gli uomini non riescono proprio a cucinare cose raffinate come i dolci, c'e' chi ha detto che e' perche' alle donne piace sognare e che i dolci fanno proprio questo. E cosi' via....

Ricordate: non ditemi cosa vi piace di piu' cucinare, dolci o primi, ma PERCHE'

Dai, sbizzarritevi!!!!!

.

53 commenti:

  1. Corrado, la mia (per ora) non è la partecipazione nel contest (ma lo farò!) I codici IBSN si trovano sul lato destro nel mio blog, sotto le copertine dei libri!
    ISBN: 978-88-95916-42-2
    ISBN: 978-88-95916-41-5

    RispondiElimina
  2. ciao Corrado, ora ti spiego i miei perché : la pasticceria lascia spazio alla fantasia ma va seguita minuziosamente, con dosi precise quasi matematiche e offre degli argomenti se vuoi anche difficili ma proprio per questo molto stimolanti !! a me piace proprio per questo motivo ! mentre l'uomo che cucina di solito è un creativo senza regole, e forse il piatto a lui più congeniale è il primo !

    RispondiElimina
  3. ..potrei attribuire la nostra smodada voglia di dolci alla sindrome premestruale, si sa: ce lo dicono i ginecologi che in quei giorni abbiam bisogno di zuccheri e ce lo ribadiscono le nonne con i loro racconti, ma secondo me la spiegazione è più semplice: i dolci coccolano. Rincuorano e ci accarezzano quando abbiam bisogno di affetto e comprensione. Va bene..poi ci lasciano uno spietato senso di colpa per le calorie da smaltire, ma siamo donne..ci piace non essere coerenti con la nostra linea! ;)

    L'uomo si deve saziare, deve riempire la panza..lui bada alla sostanza e cosa è meglio di un'abbondante dose di carboidrati!?

    Per dare un'upteriore conferma alla tua indagine sociologica ti basta sapere che primi e secondi del nostro food blog sono di Pietro, la mia metà. Indovina un po' chi si diletta con i dolci!?!? =) =) =)

    A presto*

    Francesca di SingerFood & Chiccherie

    http://singerfood.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. Ciao Corrado,
    e grazie per il gentile invito al contest che mi hai fatto!
    Interessantissimo il tuo “contest-domanda”. In effetti anche io l'altro giorno dando un occhio al mio indice fotografico ho sorriso all'esplosione di dolci e dolcetti che ho postato… e confesso che spesso mi auto-limito!!
    Non ti saprei dire perché in generale le donne hanno una maggiore tendenza a cucinare dolci modello Nonna Papera e gli uomini a cucinare e mangiare primi piatti…
    A me personalmentente piace tanto mangiare e cucinare anche i primi, ma la mia passione, quello che mi fa canticchiare quando cucino con un sorriso beato stampato sulla faccia, e che quando non mi riesce alla perfezione mi fa infuriare come una iena, sono i dolci…
    Ti ripeto non so dirti il perché degli altri, ma io di certo è perché sono affetta dalla sindrome incurabile da “Dolce Forno negato”…Hai presente no il Dolce Forno? Quel fornetto tanto in voga tra le bambine della mia generazione ormai (sig!) quarantenne… quello strumento di delizia pubblicizzato da bimbe vestite come bamboline che ti ammiccano sfornando ogni tipo di delizia…mbe io l’ho agognato per anni e non l’ho mai ricevuto!…
    …quindi mi pare logico che, una volta grande, mi sono comperata il mio bel dolce forno gigante, e la mia più grossa soddisfazione è sfornare biscotti e pasticcini con un sorrisetto beffardo rivolto alle bastarde di bambine che pubblicizzavano il Dolce Forno e che dice: “Mbe?, e adesso chi ce l’ha più bello?!” ^_^

    RispondiElimina
  5. Eccomi Corrado! Accetto con vero piacere il tuo invito e per di più mi aggiungo ai tuoi sostenitori! Dunque....allora...mmm....( nel frattempo il cricetino che ho in testa sta facendo fumo da quanto corre !!! ) io credo proprio di non avere un valida risposta da darti...però ...ci posso provare!
    Io i dolci li preparo spesso e me li mangio anche( e si vede :-D ) e quindi non faccio certo parte della categoria " sto attenta a quello che mangio" . Credo che la predilezione delle donne per i dolci possa dipendere dal fatto che , anche il più semplice, abbia comunque bisogno di essere " agghindato " con creme, palline colorate, piogge di zucchero a velo ed altri tipi di decorazione..un pò come noi donne che prima di uscire ci " decoriamo" con orecchini, bracciali, collane, tacco 12 ( io no di certo ! ) lip gloss e così via! Mentre un primo, anche se ricco nel condimento alla fine con una spolverata di formaggio sopra è pronto...come voi uomini...una doccia, jeans e camicia ( voi state sempre bene...difficilmente avete problemi di " curve" eccessive), una " spolverata" di profumo e siete pronti! Io la vedo un pò così...ciò che prepariamo rispecchia un pò ciò che siamo!
    Che dire...la verità assoluta su questa originale e interessante domanda non c'è ( almeno credo!!! ) ma io la vedo proprio così!
    Un abbraccio e ancora grazie per l'invito ;-)

    RispondiElimina
  6. Caro Corrado, tanto per comincià c'ho da darti una notizia scioccante: io preferisco i primi e mio marito i dolci. Ora. Se ti fa piacere puoi immaginarci così:io col birrozzo in mano che ti spettino con un rutto e lui col grembiulino e il tacco a spillo. Puoi farlo, ma in realtà siamo una coppia normale con dei ruoli ben precisi, io sono donna e lui uomo. E fin qui ci siamo. Poi: mio marito non cucina, magna,anche se è campione del mondo di ribaltamento di frittata.Non quella di uova,no, ha una capacità di rigirarti un discorso a suo favore da far invidia a Perry Mason. Io i dolci li cucino, ma difficilmente li mangio e sai perché? Perché dopo averli infornati la ciotolina dell'impasto non la lavo, la lecco come farebbe un cocker.Di conseguenza mi stucca, non la digerisco e quando il dolce è sfornato non mi va più. Di più non so che dirti.
    Dopo questo discorso RETTIFICO:
    non siamo una coppia normale manco a morì.

    RispondiElimina
  7. da me alla grande, prevalgono i primi, ho un animo molto maschile, infatti mio marito lo dice sempre, in casa chi ha.....ecc...mi associo a quello che dice Simona di sopra, io i primi e il marito, che mangia molto meno di me, i dolci....

    RispondiElimina
  8. forse le donne preferiscono i dolci perché trascorrono un'amara esistenza, visto che stanno con gli uomini...non lo so, ma tu sei sicuro che sia così, o è frutto di una mentalità che attribuisce alle donne il dolce, perché più "femminile" con i colori chiari, delicati, le cake elaboratissime, belle, tutte pizzi, trine e decorazioni...dove è la femminilità in una minestra di fagioli? secondo te? a parte gli scherzi e le battute, credo che il motivo per cui si attribuisce alla donna il dolce e all'uomo il salato, (i primi piatti) sia davvero questo...
    devo fare altro? adesso vado anche a mettermi fra i tuoi sostenitori...

    RispondiElimina
  9. TAMTAM: ho solo notato che nel mio blog c'e' una disparita' di scelta tra dolci e primi e, incuriosito, ho scoperto che nei blog di donne il rapporto e' inverso.
    Sul perche' ho la mia opinione, certo, ma da imparziale giudice non la esprimo :)

    RispondiElimina
  10. io il mio pensiero l'ho espresso e sono convinta che sia quello che ho detto di sopra, in una società che vuole la donna in un certo modo, si è portate a fare scelte pilotate...ciao carissimo

    RispondiElimina
  11. Allora, è mooolto semplice. I dolci sono frivoli, mentre i primi o gli altri piatti salati sono cibi-da-sostentamento, perciò assai più noiosi. E siccome il motto di ogni donna che si rispetti – il mio sicuramente – è Liberté, Egalité, Frivolité (e chiedo venia ai sanculottes, il cui motto era leggermente diverso perché loro facevano sul serio...) ne consegue che la spiegazione ha una sua splendida logica. Chiaro, no?

    RispondiElimina
  12. ciao Corrado! bello questo contest!
    io lo so. Eccoti la risposta:
    semplicemente perchè noi food-blogger oltre che essere impavide "giornaliste-free" siamo anche mamme, mogli, casalinghe, lavoratrici.... dunque con i secondi contati! Insomma per quel che mi riguarda posto prevalentemente dolci così da poterli fotografare quando caspita ne ho voglia, senza che nessuno batta le posate sul tavolo in segno di guerra per reclamare il piatto! Se faccio un primo non ho mai il tempo che voglio per fotografarlo! i dolci hanno la qualità di rimanere carini e fotogenici anche il giorno dopo, una torta la posso fotografare anche se ne hanno già divorata una o due fette, dei biscotti di solito ne salvo qualcuno dalle fauci del mio adolescente famelico e poi glieli ripropongo una volta fotografati!
    ecco tutto qui!
    ps qui funziona che sia io che la mia dolce metà adoriamo i dolci! ti sballo le statistiche? O.o
    un caro saluto!

    RispondiElimina
  13. Ciao Corrado e grazie per l'invito; sto cercando di trovare il perchè ma mi viene in mente solo che un primo piatto è più semplice, veloce, con il condimento giusto è pronto quasi subito da quando si butta la pasta (in casa mia Primo Piatto = Pasta); e soprattutto è "necessaria ed insostituibile; per il dolce serve un pochino più di tempo e qualche volta, ma solo qualche, se ne può fare a meno. Grazie ancora per l'invito e buona giornata.

    RispondiElimina
  14. Un gran numero di persone sono zucchero dipendenti, perché lo zucchero agisce sul cervello come una droga creando una certa felicita` che subito si rivela fasulla, ma che può essere ricreata con l'assunzione di altro zucchero. Ci sono studi scientifici a questo proposito, ma in Italia non se ne parla.
    Poi c'e` per esempio la carenza di magnesio che spinge a mangiare cioccolato che ne e` ricco, ma anche le mandorle sono ricche di magnesio e io le preferisco, magari con un quadratino di cioccolato 85% cacao che fa anche bene alla pressione.
    gente secondo me non si rende conto di avere questa dipendenza dallo zucchero perché i dolci sono sempre a disposizione, si possono anche fare in casa, sono pure belli da vedere e piacciono a tutti, anche a me che ne mangio pochissimi. Ma basterebbe fare una semplice prova e fermarsi per qualche giorno, eliminare tutti i dolci compresi quelli che contengono zucchero occulto e osservare le reazioni, ed ecco i classici sintomi da astinenza dei drogati a cui viene tolta la droga. Hai mai osservato un fumatore che rimane senza sigarette?
    Poi ovviamente le donne che tengono un food blog sono più degli uomini che hanno lo stesso tipo blog quindi la differenza appare enorme ma non si può fare una statistica tra uomo e donna se non c'e` parità di situazione, infatti molte donne diranno che i loro uomini amano il dolce anche più di loro, nei bambini non credo che ci sia nessuna differenza tra le femmine e i maschi, quindi secondo me per il tuo contest otterrai risposte personali ma non valide per ottenere una risposta che abbia senso.
    Le donne che dicono di non aver tempo per fotografare i loro primi perché devono essere serviti subito a tavola dicono una cavolata altrettanto senza senso infatti potrebbero servire a tavola subito agli affamati e fotografare il loro piatto, mi pare di una semplicità assurda, vuoi dire che non ci abbiano mai pensato?
    Il fatto e` che i dolci hanno un potere sul cervello anche se sono virtuali, stimolano quella parte del cervello un po` come fa la pornografia e non per niente ci sono i guardoni del food porn.
    Le donne infine tendono ad essere emozionalmente più fragili degli uomini, diventano tristi per un nonnulla e si compensano con i dolci che riattivando quella particella della felicita` che sta nel cervello creano uno stato di euforia almeno per qualche ora, e il problema e` che non lo sanno, non sanno che si tratta semplicemente di chimica.

    ps. i primi sono a base di farina, e la farina una volta ingerita si trasforma in zucchero quasi istantaneamente, e allora qual'e` la differenza tra uomini e donne? la differenza sta solo nella forma con cui si presenta lo zucchero, la sostanza e` uguale.

    RispondiElimina
  15. Ciao Corrado! Sono Serena, Onde99 (http://omindipanpepato.blogspot.com). Scrivo "in anonimato" perché da giorni blogger non mi permette di accedere agli altri blog!
    Premesso che non ho mai fatto una dieta e che non mi nego *mai* qualcosa di dolce per chiudere i pasti, personalmente preferisco i piatti salati. Credo che nei blog in generale spicchino maggiormente le ricette "dolci" perché è in quelle che si riesce ad essere più creativi. Se preparo un dolce, accade nel fine settimana ed è sicuramente postabile, quando preparo un primo o un secondo piatto può trattarsi anche di qualcosa di "tirato via" tanto per mettere qualcosa in tavola. Senza contare che la maggior parte dei dolci devono essere consumati freddi, quindi si possono fotografare con più calma e grazia, mentre la pasta vorrei mangiarla calda, prima che si appalli (questo tanto per rispondere anche a chi, poco sopra, suggerisce alle foodblogger di servire gli altri e fotografare con calma il proprio piatto... comunque mi sembrerebbe una cosa abbastanza insolita mettermi a fare foto mentre gli ospiti mangiano). Perché poi questi aspetti si evidenzino maggiormente nei blog femminili che non in quelli maschili non lo so, ma, secondo me, quello che si pubblica in un blog non dipende solo dai gusti personali, bensì dalla foto venuta meglio, dall'originalità della ricetta e da quanto sensata può essere l'introduzione ad essa. Ovvio che tra una torta debordante di cioccolata e un piatto di spaghetti alle vongole preferisco questi ultimi, ma difficilmente riuscirò a fotografarli con garbo, a dar loro un tocco personale che li renda postabili e a parlare diffusamente dell'occasione in cui li ho preparati o delle emozioni che mi suscitano...

    RispondiElimina
  16. Bel contest, Corrado! Secondo me è semplicemente una questione di essenze diverse. L'uomo è pratico, veloce e ingordo: cosa lo può fare più felice di un grande piatto di pappardelle al sugo? La donna è delicata, complicata e dolce, proprio come la cosa che ama cucinare di più!

    RispondiElimina
  17. le donne preferiscono i dolci perché sono la "dolce metà del cielo", gli uomini preferiscno i primi perché devono sempre essere... "primi"!!
    ;-)

    RispondiElimina
  18. ..dunque bella domand, però in effetti vero.
    Le donne ricercano il dolce per questa carenza cronica e psicologica affettiva che hanno e pensano così di appagarsi.
    l'uomo invece vuole sostanza, concretezza e un bel piatto di pasta soddisfa assai e nello stesso tempo permette la creatività!
    baciotti

    RispondiElimina
  19. Allora io sono un uomo...mio dioooo devo avvisare il mio ragazzo!!!!
    Monica

    RispondiElimina
  20. Ok mi sono ripresa, dopo lo shock iniziale :)
    Io adoro cucinare i primi, adoro cucinare la pasta, il risotto per me e' poesia, gnocchi, pappardelle, lasagne...
    Invece i dolci non andandone matta ne faccio proprio pochi. Penso che non sia vero che un piatto di pasta lo fai in poco tempo, io ci metto meno a fare una torta! La pasta ha un suo rito, se la fai in casa devi impastare, sfogliare, preparare il sugo, che se parliamo del ragu' impegna due orette solo di cottura, o se vogliamo parlare del risotto che io adoro accostare al bollito, beh bollito 2 ore e risotto mezz'ora! Io trovo piu' soddisfazione nel cucinare e mangiare primi, vedere un bel piatto di tagliatelle al sugo o risotto particolare mi mette l'acquolina! Infatti i primi si mangiano per primo...il dolce lo mangi a fine pranzo/cena quando sei gia' pieno e non lo apprezzi nemmeno. W la pastasciutta fumante!!!
    Monica

    RispondiElimina
  21. ciao carissimo! :)
    ci penso e ripasso con la risposta :-D
    buon fine settimana e bravo, mi piace questo contest!

    RispondiElimina
  22. ti basta la risposta che ti ho lasciato sul post precedente o devo approfondire?
    Cristina
    Poverimabelliebuoni/Insalatamista

    RispondiElimina
  23. Bellino il tuo contest. Io parto da una spiegazione logica, le donne nella sindrome premestruale hanno bisogno di un elevato livello di zuccheri "veloci" per riequilibrare la situazione e non cadere in depressione, spiegato scientificamente sarebbe meglio ma io non so spiegarlo ihihiih.
    Poi penso sia lo stesso motivo per cui le donne preferiscono film a lieto fine e gli uomini anche qualcosa di piu impegnativo, credo che abbiamo sempre bisogno di dolcezza ;)

    RispondiElimina
  24. POVERI etc - Le risposte del post precedente vengono gia' considerate, come se fossero state scritte qui.
    CIAO :)

    RispondiElimina
  25. al di là delle spiegazioni medico/fisiologiche (ciclo femminie ecc. che altera i livelli zuccherini, da compensare con zuccheri semplici ad assorbimento veloce) e di quelle storico/antropologiche (l'uomo cacciatore a cui serve accumulare scorte per un rilascio lento ma costante di energie durante i periodi in cui non può alimentarsi facilmente), dal punto di vista sociale mi sembra che mediamente si siano create nel tempo delle associazioni tra salato = forte e dolce = delicato.
    Per quel che vedo io, molte donne che amano il salato sono persone sicure di sè, con un carattere definito ed un'autonomia relazionale abbastanza sviluppata, caratteristiche fino a qualche tempo fa considerate tipicamente maschili, ma solo per abitudine (la storia ed il quotidiano sono pieni di "donne coraggio"...). Gli uomini che conosco estremamente golosi di dolce hanno invece personalità meno lineari ed insicurezze personali nell'affrontare i problemi maggiormente sviluppate che nella media. Probabilmente ci sono dei legami oggettivi(che tecnicamente non conosco per niente) tra psicologia e biochimica dei bisogni primari, di cui, non dimentichiamo, l'alimentazione è protagonista.
    Comunque ho contato: sul mio blog (che non ha tag organizzati in primi/secondi ma più del tipo salumi/formaggi/patate)i dolci sono in netta minoranza. però uso spesso zucchero, frutta o miele anche per preparazioni salate. Ed ora analizzami...

    RispondiElimina
  26. ANNALENA: ti ho conosciuto di persona e ho visto che sei un mix perfetto :) Fine dell'analisi

    RispondiElimina
  27. Posso dire un po' di bischerate a ruota libera vero??? Mica mi fai un'analisi...allora secondo me il dolce è femmina, è morbido, voluttuoso, appagante...noi donne amiamo cucinarli perchè sono un sostitutivo del latte materno un modo per continuare a dare e a darci amore. Pensa solo al profumo del dolce..sono sicura che la maggior parte di noi lo ricollega alla propria mamma o alla propria donna. Quante volte per far felice i miei figli ho cucinato per loro dei dolcetti particolari, oppure per una cena romantica con mio marito ho fatto dolci cioccolatosi e sensuali. Il primo è più aggressivo, più rude, più maschio. Lo cuciniamo sempre anche noi ma la maggior parte delle volte non ci viene nemmeno in mente di postarlo perchè quello è routine, non è l'espressione del nostro amore, della nostra passione.
    Ciao spero di vederti presto, Simona delle pellegrine Artusi

    RispondiElimina
  28. Dunque, il contest! :-))
    La risposta è semplice. I dolci sono le preparazioni raffinate, e le donne lo sono ( o credono di esserlo), per questo si identificano con la pasticceria, decorazioni ecc. I primi rappressentano i carboidrati facili ma robusti, molto energici, magari con una componente sostanziosa quale il sugo saporito. Per questo gli uomini ne hanno bisogno, li vogliono assolutamente e di conseguenza li cucinano.
    Personalmente amo cucinare il salato (diciamo,i primi) perché mi scoccia usare bilancia, stare dietro il forno, controllare l'umidità in cucina e montare le creme. Non amo seguire le regole, ma amo le cose semplici e improvvisate. Per questo "aglio e olio" è sempre molto meglio di pan di spagna.
    Baci!

    RispondiElimina
  29. Le donne preferiscono il dolce perchè è insieme una coccola, un qualcosa di rassicurante, un piacere immediato e un peccato tra virgolette. Il dolce generalmente è godurioso e al tempo stesso calorico e ha insieme quel senso di inadeguatezza spesso femminile dell'unire piacere e panico =) un dolce ha insieme quel panico del" arg ingrasserò perchè è maialissimo" e piacere allo stato puro. e poi i dolci sono carini come le fanciulle.
    Il primo è concreto, immediato, di solito è saporito e ricco come gli uomini sono o pensano di essere. Tra l'altro mentre di un dolce si guarda l'estetica, sul primo vai meno sul sottile, insomma una padellata di pasta mangiata in piedi davanti al fornello è rustica, diretta, maschile e senza doppi sensi e non per questo meno buona.
    E comunque gli uomini preferiscono i primi ma poi spiluccano sempre i dolci =) è la sacra regola del "gli uomini preferiscono le bionde ma sposano le more" ed è anche il motivo per cui siamo tutte lì a spignattare dolcetti =D
    carinissimo contest!

    RispondiElimina
  30. Caro Corradot, hai toccato un tasto dolente e ti sei infilato in un "tubo" dal quale sarà difficile uscirne sani, ti auguro di farcela, intanto ti invito al mio nuovo blog:
    http://orodorienthe.blogspot.com/
    ciao

    RispondiElimina
  31. Troppo bella, questa domanda.
    E fondamentalmente senza risposta certa...
    Per cavarmela con una battuta, noi ci prendiamo la dolcezza che voi non sempre ci date, e voi la sostanza che noi a volte vi facciamo mancare? ;-)

    Ciao, Corrado!

    RispondiElimina
  32. Citando Jeff Potter (l'autore di Cooking for geeks) concordo sul dire che il mondo degli appassionati di cucina si divide fra "cooks" e "Bakers", o meglio fra "cuisine" e "patisserie", dove i primi sono quelli che si cimentano "buttando in pentola un po' di questo e un po' di quello" mentre i secondi seguono meticolosamente dosi e procedure. La fondamentale differenza però è che i "pasticceri" preparano quasi sempre in anticipo le loro creazioni, mentre i "cuochi" lavorano quasi sempre all'ultimo minuto, ovvero si mettono ai fornelli poco prima di andare in tavola.
    Secondo questa distinzione, si potrebbe argomentare che le donne hanno più tempo a disposizione da dedicare ai dolci mentre gli uomini ne hanno di meno. Ma non so quanto sia vero, il tutto.

    RispondiElimina
  33. corrado :)
    a parte che mi sono soffermata sul commento di Annalena a cui voglio tanto bene e che, quando ci vediamo mi dice sempre "il dolce lo fai tu!", confermo che lei è una donna da "salato" e sapori concreti.
    devo anche dirti che, ho curiosato sul mio blog e i dolci sono, più o meno, alla pari con i primi piatti....
    a me i dolci piacciono, ma prediligo il salato, tieni conto che spesso cucino i dolci per casa e io li tocco appena, a favore di una bella bruschetta o un panino col prosciutto!
    ma i dolci pubblicati nei blog, hanno anche un acendente in più..... non chiedermi quale sia il motivo, ma mi sono accorta che le impennate di visite si hanno sempre durante le pubblicazioni di post sui dolci.
    credo che il dolce attiri comunque la curiosità. c'è arte dietro la creazione di un dolce e tutti vogliamo provarci.
    ergo, se qualcuno pubblica un dolce, corriamo a leggere come, cosa e in che modo.
    sul fatto che poi ci sia differenza tra uomini e donne in merito.... io lavoro con un fotografo che mangia solo dolci, ma talmente tanti che a me viene il diabete per osmosi..... non credo ci sia tutta questa diversità tra gusto maschile e femminile. però son curiosa di sapere il risultato finale!
    baci

    RispondiElimina
  34. Intanto ti dico che io preferisco i primi anzichè i dolci! Poi ora penserò il perchè e te lo spiegherò....forse. Una cosa è certo. Sono una donna. Ma ora mi viene un complesso. Perchè allora io preferisco i primi? Urca però, non si fa così! Spero di dormire stanotte...

    RispondiElimina
  35. Prediligo di gran lunga i dolci ed appellandomi alla psicologia spicciola da fumetto Topolino ho sempre pensato che è per smussare la mia naturale acidità, poi leggevo il tuo post ed ho cominciato a dubitare della mia identità di maschietto :P ahahahahahaha
    All'inizio la risata era sentita e forte...poi è diventato un sorriso privo di suoni e pensieroso...che dici mi preoccupo?! :P eheheeehehehe
    Ironia a parte, ho sempre pensato che la legge dei grandi numeri sia veritiera a metà nel senso che va comunque letta con una ottica invertita rispetto a quella del dato freddo. Mi spiego meglio.
    Nel mio caso infatti, l'esser goloso è una inclinazione (non un esigenza fisica che sarebbe ben diverso) che avverto naturale e che con la ragione di poi ho capito di aver ispessito grazie ad una radicata ma pur sempre a carattere famigliare, cultura del 'dolce'. Mi verrebbe da dire una trasmissione per osmosi senza una precisa volontà da parte di mia nonna e di mia madre che, nei gesti, nelle accortenze del dolce della Domenica mi hanno lasciato in eredità non il desiderio di dolce appunto in quanto portata-zuccherina quanto la sfumatura di conforto aggiuntiva che solo un dessert ben fatto può avere.
    Probabilmente è anche un retaggio culturale di una famiglia piccolo borghese che ha sempre visto nella pasticceria un lusso, da qui la ricerca con mezzi propri di un dolce ( sempre lui...) che fosse buono, accorto all'uso degli ingredienti, agli abbinamenti estetici, che avesse sempre una marcia in più rispetto a chi si "deve" accontenare di comprarli anche nel laboratorio più quotato del quartiere.
    Probabilmente la mia è una disamina di parte ma certamente condiziona la risposta al tuo perchè. Non è vero che le donne preferiscono i dolci e gli uomini i primi, è solo un clichè che da sicurezza a chi si rivede in questa divisione la cui lettura superficiale qualche volta fa perdere di vista tutte le sfumature diverse che invece sono la vera ricchezza alternativa a questo 'perchè' provocatoriamente messo come domanda secca :P
    PS
    Bel contest, complimenti per lo spunto di confronto dato :)

    RispondiElimina
  36. Ironicamente risponderei che la contraddizione è donna ecco perchè siamo più attratte dai dolci :)) E si sa, quanto più una cosa è "proibita" tanto più fa gola.

    Più seriamente invece credo che ci sia proprio una base fisiologica che porta le donne ad essere più esposte degli uomini al desiderio di dolce. Rispetto agli uomini le donne producono meno serotonina e il desiderio di cibi dolci in situazioni di particolare ansia e stress si potrebbe spiegare con la necessità di ricostituire le scorte di questo neurotrasmettitore. In più, nel periodo pre mestruale, le variazioni ormonali determinano un aumento della tolleranza agli zuccheri con conseguente aumento della voglia di dolce. Come dire: non è poi tutta golosità!!!

    Personalmente tra una fetta di torta e un piatto di spaghetti non esiterei a scegliere i secondi anche se cucinare dolci è la cosa che più mi diverte sia perchè mi permette di dare maggior spazio alla fantasia sia perchè il dolce rappresenta un po' una coccola. regalare un dolce a qualcuno per me significa un po' dimostrargli tutto il mio affetto! In casa il vero goloso è l'omo!!!

    Molto simpatico il tema di questo contest :))

    RispondiElimina
  37. Marcellagiorgio4 giugno 2011 17:55

    Ciao Corrado!
    Pensare ho pensato, molto ed ho meditato soprattutto sulla mia risposta immediata "io preferisco il salato" punto!
    Poi ci ho riflettuto ho fatto un giro tra i blog e mi sono soffermata sulla veridicità della tua affermazione: tanti dolci, moltissimo dolci, non solo in blog al femminile, ma anche in quelli "maschili" (vedi Gambetto).
    La spiegazione per me non sta solo nelle preferenze dolce/salato, ma anche nella sfida e nella creatività che fa parte di ognuno di noi.
    Il dolce deve essere perfetto, senza errori, ma soprattutto la sua perfezione deve essere estetica.
    Un piatto di pasta lo puoi accomodare ed imbellettare come vuoi, se vogliamo può anche non esser buono o cucinato male (in fondo se la foto è studiata bene chi se ne accorge?)
    Ma una torta, un bignè o un entremet oppure una semplice ciambella se fatto come si deve fa la sua bella figura e strappa l'applauso, se mal cucinato o mal confezionato ai voglia te cercare di imbellettarlo!!!!
    Una ciambella seduta non la rialzi nemmeno con una gru :-)))
    In questo lato perfezionista ed estetico della pasticceria forse si nasconde uno spirito più femminile che maschile, in fondo anche io che amo il salato mi dedico volentieri al dolce ed è con il dolce che traggo le mie soddisfazioni più grandi,....ma anche i miei fallimenti più grandi!!!
    Insomma una sfida che le donne forse accettano più degli uomini ed un lato estetico che prevale!!!
    O no???

    RispondiElimina
  38. Marcellagiorgio4 giugno 2011 19:54

    Ancora io per una precisazione doverosa:
    rileggendo quanto ho scritto mi sono accorta che una mia affermazione poteva essere fraintesa quindi vado a spiegarmi:
    quando dico che un piatto fotografato può anche esser riuscito male non mi riferisco a NESSUNO in particolare lA MIA è SOLO UNA RIFLESSIONE fatta per rafforzare quello che intendevo dire.
    Quindi nessun riferimento a nessuno e soprattutto al padrone di case ed hai suoi piatti che, pur salati, sono estremamente fantasiosi e creativi nonchè ottimi ed io lo posso ben dire visto che ho avuto il piacere di assaggiarne molti!!

    RispondiElimina
  39. In corner arrivo anche io...
    forse stravolgerò la classifica ma per me spesso e volentieri per le donne vince il sapore salato e il dolce viene messo da parte. Non sono mai stata una damina dell'800 tutta pizzi, merletti e dolcetti. Preferisco i sapori forti, decisi. In ogni caso coinvolgenti. Più facile per me ritrovarmi nel salato e nn nel dolce di una torta o un budino. Vuoi mettere una lasagna, un pesto gneovese?
    Mio marito per esempio ama i dolci, e tanto.
    Sarà uno scambio di ruoli? :-)
    Un abbraccio Corrado!

    RispondiElimina
  40. mi imbatto per caso nel tuo blog/contest molto carino ma anche un po' cattivello con il gentil sesso...si potrebbe fare un secondo contest domanda per scoprire perchè, ma...sorvoliamo che è meglio!!!
    scherzavo ovviamente!!!
    anche io ho notato il dilagare di dolci e dolcetti se visiterai il mio blog scoprirai che i dolci (pochi) sono torte riservate alla colazione, questo perchè ho bandito le merendine da casa mia!
    La mia risposta alla tua domanda è molto molto banale: i dolci sono molto scenografici a volte un po' complicati, bisogna decorarli e quindi ci vuole una buona manualità, oltre al gusto e un po' di eleganza... insomma un blog sui dolci da molte più soddisfazioni a chi lo fa, fa sentire molto bravi.
    comunque il tuo blog è molto carino e mangereccio, ti seguirò

    RispondiElimina
  41. Allora, caro Corrado, io la penso così:
    la differenza nella classifica dei cibi cucinati tra uomo e donna trova la sua spiegazione più naturale nel diverso ruolo che i due sessi interpretano, anche in cucina. L'uomo ai fornelli, a meno che non sia un cuoco di professione, un pasticcere o un addetto ai lavori è una perla rara; il primo piatto, suo cavallo di battaglia, è il modo in cui il maschio di casa da il suo conributo solido e corposo alla vita domestica e come potrebbe farlo se non cucinando un qualcosa di robusto, concreto e saziante che dia forza e sazietà ai suoi cari? cosa di meglio di un bel primo piatto?
    La donna invece è diversa; cucina tutti i giorni, mette sempre e comunque amore in tutti i suoi piatti, ma nel dolce può apertamente dire alla sua famiglia, al suo amato, ai suoi figli, quanto vuole loro bene, quanto loro siano importanti per lei. E non lo fa con un piatto di portata, ma con un piatto in più, con un dolce che arrotonda, impreziosisce e esalta tutto il resto!

    RispondiElimina
  42. mi stavo chiedendo quanto ci sia di impalcatura sociale, quanto sia fisico, quanto non sia... il dolce come preprazione -per-amore-della-famiglia è riduttivo. Se fossi single mangerei lo stesso più dolci che salati (nel caso di mia sorella, per esempio, come di altre vale il contrario ma è vero quello che tu dici dei blog). Se a casa sono da sola, non mi va di cucinare e mi devo mangaire qualcosa..qual è il massimo della gioia? Il gelato direi, in estate, e un dolce in inverno. E' da sempre che i dolci sono la mia cosa preferita come è da sempre che la pasta lo è per mio marito. Perchè? Per quanto mi riguarda (e questa è l'unica certezza che posso dare) il gusto e la sensazione che mi dà un dolce non me lo dà nessun altro cibo. Pensa ad un semplice cucchiaino di crema quanto possa essere complesso da assaporare, quanto la cioccolata si sciolga in bocca o un fetta di torta porti dietro di sè un mondo. Sono sensazione che gli altri cibi non mi danno e non mi appagano allo stesso modo Vogliamo dire che amo la complessità a scapito della semplicità e robustezza? Forse sì. Un dolce mi rende felice. Anche quando tutto va male (e per una donna, capita spesso). La pasta non ha lo stesso potere, anche se rinunciarci sarebbe un trauma...sempre italiana sono!!!

    RispondiElimina
  43. A me a scuola hanno insegnato che il simile attrae il simile, indi per cui le donne cucinano dolci.

    A presto ;-))

    RispondiElimina
  44. Riprenderei una frase famosa "Se non hanno pane, che mangino brioches" .... il contesto era vagamente diverso (Maria Elisabetta e la rivoluzione francese... ) però vedi che quando c'è una donna di mezzo, i dolci saltano sempre fuori ??!!!

    RispondiElimina
  45. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  46. Ciao, complimenti per questo contest, molto originale!
    Allora, è vero a me piace molto fare i dolci, perchè mi gratifica....non riesco a spiegare la sensazione che provo quando creo un dolce, già lo stesso semplice pan di spagna che cuoce mi rende felice, poi non so cosa mi succede, sembra che le mie mani lavorino da sole, sanno cosa fare ed alla fine sono soddisfatta di quello che creo!
    Con i primi o altre portate non mi succede, anche se ci metto tantissimo impegno, non riesco ad ottenere la stessa soddisfazione.
    Spero di essere riuscita ad esprimere il mio pensiero.
    Buona serata

    RispondiElimina
  47. I dolci li faccio e li mangio anche. In genere, se mi tocca scegliere, preferisco mangiare una candela alla genovese ben fatta che una fetta di torta, con le dovute eccezioni: se sono in Austria, per esempio, non consento a nessuno di privarmi di un assaggio di torta al giorno, a costo di ingaggiare con l'incauto provocatore una vera e propria colluttazione.
    Ma la realizzazione della pasticceria è una sfida superiore. E' un cimento in cui si cerca continuamente di superarsi, è un cammino di apprendimento di tecniche e conoscenze, richiede applicazione, dedizione, passione e una dose lieve ma significativa di incoscienza. Ora, sei libero di scegliere quello che, tra questi elementi, ti sembra più attraente per il genere femminile: sfida-percorso-conoscenza, o quello che ti pare gli si attagli di più: applicazione-dedizione-passione-incoscienza.
    Quanto a me, credo di aver avuto sempre l'ansia di crescere. Sono una dannata perfezionista perennemente insoddisfatta dei risultati raggiunti. Faccio dolci perché c'è sempre un traguardo da raggiungere, in pasticceria, ma quando l'hai raggiunto scopri che non era che una tappa, e che c'è un'altra asticella più in alto.

    RispondiElimina
  48. Cavoli, che domandone! Essere originale, seria o divertente che sia, non è così facile...
    La risposta che mi viene più spontanea è legata alla fisiologia, in particolare agli ormoni che nella donna sono altalenanti e scombussolano letteralmente il fisico (quale donna può dire di non agognare un pezzo di cioccolato durante il ciclo mestruale?). Il dolce si sa è quasi una droga per il fisico, visto il senso di appagamento che da, e se si inizia non si può certo smettere.
    Ma a ben pensarla anche la cultura ci mette il suo zampino, basti pensare alle pubblicità in tv che vedono le donne barcamenarsi tra yogurt, dolci in genere e verdure, mentre gli uomini hanno sempre a che fare con cibi più "machi" come carne e primi piatti, ma dai sapori forti, non per esempio sughi di verdure grigliate che, come mi ha detto un amico cuoco, è un primo da femmina.
    Certo potrei anche dire che la pasticceria è un'arte dove bisogna seguire regole precise, mentre gli uomini preferiscono la creatività, ma in fondo non ci credo perchè questo credo sia troppo personale e troppo specifico delle doti di ognuno.
    Alla fin fine, come in ogni cosa, credo che sia una combinazione di natura&cultura che fanno di noi quello che siamo e che quindi determini anche questo tipo di preferenze.
    Oh, mio dio ho scritto un papirone!!! Ma si sarà capito almeno quello che intendevo??

    RispondiElimina
  49. E per completare ti dico anche che da quando sono incinta i dolci non mi danno più la stessa soddisfazione, nel senso che spesso mi sento di preferire un piatto salato o magari certi cibi li sento "troppo" dolci, mentre prima me ne strafogavo. E ti dirò di più: in questi nove mesi non ho potuto fare a meno di pasta, pizza e paninazzi...
    Che sia quindi anche qui colpa degli ormoni o il mio piccolo ospite è un maschio??? Visto che ancora non lo so potrebbe essere un motivo per sbilanciarsi verso un bimbo e non una bimba...Lo sapremo entro breve e vediamo se questa differenza si manifesta già nella pancia della mamma ;)

    RispondiElimina
  50. a me piace molto fare dolci (e nel mio blog è palese...) perché ci vuole precisione e quindi mi devo concentrare e questo mi permette di liberare la mente da ogni altro pensiero, davvero rilassante! Come ho sentito dire a un famoso pasticcere (Gianluca Fusto) la pasticceria è fatta da chimica e fisica, una scienza precisa, e la mia impostazione scientifica me li fa amare. Naturalmente li mangio anche e molto volentieri, sono esigente e triste se mi capita (spesso, purtroppo) di assaggiare pessimi dolci al ristorante. I complimenti piacciono ma vi assicuro che non sono molto frequenti, i dolci vengono spazzolati in pochi minuti e senza tanti commenti, a volte a fine pasto si è pieni e non si apprezzano nemmeno tanto. A tanti uomini piace fare dolci ma in generale cucinano meno delle donne e ricevono più complimenti, chissà perché :-D
    Mi impegnerò a fare più ricette salate ma continuerò con i miei amati dolci!
    Ciao!

    RispondiElimina
  51. Corrado… e dire che ti pensavo una persona intelligente!
    A me sembra così palese! Va bè dai, te lo spiego su...
    I maschi:
    proprio come un primo piatto, banal.. volevo dire semplici, frettolosi, logici, sbrigativi, pragmatici, vanno alla sostanza, dagli un bel piatto di pasta e li fai felici. Già mi sembra di vederli: “Se non me lo sai fare cara la mia bella mogliettina, tranquilla guarda che me lo so fare da me un bel piatto di pasta! (trovalo un maschio che non lo sappia fare!)”
    Le donne:
    come il più semplice dei dolci: eleganti, complicate, contradditorie (mentre fanno il peccatuccio strafogando l’ennesimo dolcetto, piccolo dai, e solo per stavolta, sussurrano al compagno: ”Sono mica grassa tesoro? Sono a dieta, sono dimagrita, vero?! ” E VOI MASCHIETTI PROVATECI A RISPONDERE DI NO!!!!!?) vanesie, ma anche perfettine, estete e perfette, sì hai letto bene, NOI siamo PER-FET-TE, (ehi, ma chi ha detto tette?!?) proprio come tutti i dolci che trovi sui nostri blog ^____^!
    Sì va bene, dai, già me la vedo la tua faccia, so che non sei convinto, che così non ti basta, ma credici! Esiste sì, c’è anche una spiegazione su base fisiologica: parola di biologa! La donna poverina ha sempre gli ormoni a palla, e su e giù un continuo altalenare, volete lasciarci almeno un dolcino per calmarli sti ormoni o no? Voi maschi avete già paccate di serotonina in circolo, mica c’avete bisogno di farvi di cioccolata e dolciumi per tenere a bada l’insulina e liberare ste benedette endorfine!
    Lo sapevo: non sei ancora convint... e va bè dai pazienza, ci ho provato, e poi lo confesso: mio marito adora i dolci e io se potessi vivrei solo di pasta!!! Dunque?
    Ai posteri l’ardua sentenza!

    P.S. Complimenti è davvero carinissimo questo tuo contest!!!

    RispondiElimina
  52. (fuori contest)
    E' che io ci provo anche a fare i dolci. Ma - dice mio marito - alla fine hanno tutti lo stesso sapore... :(

    Coi primi, invece, è sempre una festa! :D

    RispondiElimina